Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Domenica 12 Ottobre la 64° giornata per le vittime degli incidenti sul lavoro

Postato il 10 Ottobre 2014 | in Sicurezza sul lavoro | da

Domenica 12 Ottobre ricorre la 64° Giornata Nazionale per le Vittime del Lavoro, coinvolgendo 50mila persone in tutto il Paese con manifestazioni ed iniziative in nome della sicurezza sul lavoro, della prevenzione e della tutela delle vittime.

Un’opportunità preziosa quella proposta dall’ANMIL (Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro) perché consente una riflessione collettiva su un’emergenza che non conosce tregua. Perché la tragica storia delle morti bianche continua.

Nel solo mese di luglio, gli infortuni mortali sono stati 100, ad esclusione di quelli in itinere. Così, nei primi sette mesi del 2014 sale a 431 decessi il drammatico bilancio delle morti bianche nel nostro Paese. E purtroppo i dati diventano ancor più inquietanti osservando le rilevazioni del nostro Osservatorio degli ultimi tre anni. Dal 2011 al 2013 sono state 1515 le vittime registrate nel solo ambiente ordinario.

Nella maggior parte dei casi gli infortunati avevano un’età compresa tra i 45 e i 54 anni (354 vittime nel triennio), insieme agli ultrasessantacinquenni (346). Ed è proprio quest’ultima fascia d’età la più coinvolta dal dramma nel settore agricolo: nel 2013 il 48,6% dei lavoratori (101), 2012 il 43% (77 casi) e nel 2011 il 42,5% (93 casi).

Leggi tutto l’intervento nel documento in allegato:
http://www.cobasconfederazionepisa.it/wp-content/uploads/2014/10/Comunicato-64-Giornata-per-le-Vittime-sul-Lavoro.pdf

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Tag Cloud