Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Il piano 11 settembre: Cheney, Rumsfeld e la “Continuità di Governo”

Postato il 31 Gennaio 2013 | in Mondo, Scenari Politico-Sociali | da

Da http://www.globalresearch.ca/the-911-plan-cheney-rumsfeld-and-the-continuity-of-government/5320879

un tentativo di traduzione:

“Se un mandarinato governato l’America, la commissione di reclutamento il 11 settembre avrebbe dovuto trovare qualcuno come Cheney.” Washington Post Barton Gellman autore nel suo libro “Angler: La Vice Presidenza Cheney”

Terrorismo. Piani di emergenza. Carriere politiche. La storia del 9/11 può essere scritto da più angolazioni.

Ma qualunque sia il punto di vista scelto, Dick Cheney è una figura centrale. “Principio va bene fino a un certo punto”, ha detto una volta, “ma principio non serve a niente se si perde la nomina”. E ‘sicuramente un personaggio sfuggente. Non meno di Donald Rumsfeld, il suo compagno vicino. Entrambe le loro vite sono inseperably legati con un lato oscuro della recente storia americana. Il nucleo della storia che segue è stato originariamente detto dal James autori Mann e Peter Dale Scott la cui approfondita ricerca è molto apprezzato. Tuttavia, un sacco di informazioni di base è stato aggiunto. Così un disegno più grande ha preso forma lentamente, mostrando un piano e dei suoi attori.

Cheney e Rumsfeld erano una vecchia squadra. Parti importanti della loro carriera che avevano trascorso insieme. Entrambi avevano alcun background privilegiato famiglia. Padre di Cheney ha lavorato come dipendente per il dipartimento dell’agricoltura, il padre di Rumsfeld aveva un lavoro in una società immobiliare. Condizioni di vita delle famiglie sono stati modesti. Entrambi i figli potrebbero andare all’università solo con il sostegno di borse di studio.

Rumsfeld, nato nel 1932, ha scelto scienze politiche. Era una persona piuttosto piccolo e robusto, ma con carisma energetica. Durante gli studi universitari si impegnò nello sport ed era conosciuto come una suoneria di successo. Più tardi Rumsfeld è andato alla Marina di diventare un pilota. Il cappello della Marina ha pagato una parte della sua borsa di studio. Alla fine del 1950 finalmente ha iniziato la sua carriera politica come assistente di un membro del Congresso. Nel frattempo il padre di una giovane famiglia, ea seguito di un breve intermezzo in una banca d’investimento, Rumsfeld si correva per il Congresso, all’età di 29 solo.

Ottenere supporto

Le prospettive del suo distretto casa di Chicago fosse sfavorevole. Era inesperto e quasi senza alcuna base degli elettori, rispetto agli altri candidati. Ma la Rumsfeld dinamica e ambiziosa colpito alcuni dei leader di Chicago di business, come ad esempio il capo di pharma pesi massimi Searle . Hanno pagato per la sua campagna. Con questo potere economico nella schiena anche uno dei giornali di Chicago lo ha sostenuto. Rumsfeld ha vinto le elezioni nel 1962 e andò a Washington come rappresentante repubblicano.

All’inizio del 1960 ha visitato lezioni presso l’Università di Chicago, dove Milton Friedman è stato l’insegnamento, uno degli economisti più influenti del suo tempo. Friedman è stato uno dei padri fondatori del neoliberismo. Ha chiamato per meno influenza dello stato e ha elogiato il autoregolamentazione dei mercati. Nel 1962 il suo best-seller Capitalismo e libertà è stato pubblicato. Rumsfeld è stato colpito da questi pensieri. In un discorso in onore Friedman 40 anni dopo gli venne in mente: “Governo, ci ha detto, ha tre funzioni principali: È pertanto opportuno prevedere la difesa militare della nazione. Si deve far rispettare i contratti tra privati. E dovrebbe proteggere i cittadini contro i crimini contro se stessi o le loro proprietà. “(1) Questa autolimitazione della politica è anche il nucleo della fede di Rumsfeld, mentre ha prestato servizio al Congresso nel 1960.

Un apprendista in politica

Cheney, 9 anni più giovane di Rumsfeld, nel frattempo ha studiato scienze politiche pure. In primo luogo a Yale, dove lasciò presto a causa di voti bassi, poi in una università meno prestigiosa nel Midwest. Contrariamente a quanto Rumsfeld forte è apparso piuttosto difensivo, tranquillo e prudente. Il suo reclutamento imminente per la guerra del Vietnam ha evitato, a colpi di differita dal servizio militare a causa del suo studio presso l’università e la gravidanza della moglie, fino a che non poteva essere assunto a causa della sua età nel 1967.

All’età di 27 Cheney era alla ricerca di un posto di lavoro a Washington. Ha fatto domanda per uno stage presso l’ufficio di Rumsfeld. Ma Rumsfeld lo ha rifiutato. L’intervista non è stata imbarazzante per Cheney che in tempi più tardi voluto raccontare la storia di questo flop come un aneddoto. Ma ben presto entrambi gli uomini trovati insieme.

Sotto la presidenza di Nixon, Rumsfeld era passato nel 1969 dal Congresso al governo. Prima correva l’Ufficio di opportunità economiche. Ci ha amministrato i programmi sociali federali – non esattamente una delle sue principali preoccupazioni, ma ancora un passo avanti nella carriera. Rumsfeld era alla ricerca di nuovi membri dello staff di trasmettere il lavoro. Con raccomandazione di un rappresentante amicizia ha impiegato Cheney come suo assistente. Cheney era un lavoratore diligente e rapidamente si è fatto indispensabile. Chi voleva qualcosa da Rumsfeld, ha imparato presto a provare via Cheney.

Carriera di Rumsfeld si è sviluppata. La gente ha iniziato prendendo coscienza di lui a livello nazionale. Si guardò bene, era energico e aveva un sorriso contagioso. La sua intelligenza era eccezionale. Ma ha anche voluto esagerare e aumentare i conflitti, e spesso è stato inutilmente smussare gli altri. Ben presto è diventato consigliere del presidente Nixon (che avrebbe lo esaltano come un “bastardo spietato piccolo”). Tre anni dopo si recò in Europa diventare ambasciatore della NATO là – fuga da Washington poco prima l’affare Watergate avrebbe ucciso la carriera di molti dei consiglieri di Nixon.

Degustazione di potenza

A metà degli anni 1970 la politica in America ha attraversato un periodo di sconvolgimenti. L’economia era in crisi. Con la guerra persa in Vietnam, le proteste degli studenti a livello nazionale e il Watergate la leadership della superpotenza ha mostrato segni interni di decadenza, che si conclude con le dimissioni di Nixon nel 1974. Successore Gerald Ford nominò Rumsfeld a diventare capo di stato maggiore con Cheney lo shadowing da vicino come suo vice.

Ora entrambi gli uomini erano arrivati nel centro del potere. La posizione del capo di stato maggiore è stato visto come molto influente alla Casa Bianca. Egli era il più vicino consigliere del presidente, controllato il suo programma e ha anche deciso che lo avrebbe incontrato. Dopo Nixon, Watergate e gli scandali ampiamente discussi pubblicamente CIA la nuova amministrazione ha dovuto combattere con una reputazione danneggiata. Questa difficile situazione, con un presidente relativamente debole, aumentato l’importanza del capo di stato maggiore.

Rumsfeld e Cheney erano soci ora e ha avuto grande influenza su presidente Ford. Quando ha rimescolato il suo gabinetto bruscamente nel 1975 nel cosiddetto “massacro di Halloween”, sparando tra gli altri il direttore della CIA e il segretario alla Difesa, Rumsfeld molti sospetti è il wirepuller. Il fatto è stato almeno che lui e Cheney erano speculazione.

Rumsfeld ora ha assunto il comando del Pentagono. Ci ha iniziato progetti di difesa costosi e prolungato come il carro armato Abrams e il bombardiere B-1, la costruzione di impatto economico per decenni. Allo stesso tempo, i 34 anni di età Cheney spostato fino a diventare capo del personale alla Casa Bianca. Ora non era più solo assistente, ma una autorità con le credenze rilevanti. Una delle sue regole è andato: “. Principio va bene fino a un certo punto, ma principio non serve a niente se si perde la nomina” (2)

Le porte girevoli

Tuttavia ben presto proprio quello che è successo. Dopo la sconfitta dei repubblicani nel 1976, entrambi gli uomini sono usciti governo. Insieme con le loro famiglie hanno trascorso le vacanze con l’altro nei Caraibi. Rumsfeld ricorda il riposo con piacere: “Abbiamo giocato tennis, boated, e trascorso del tempo al sole parlando della vita. Cheney bistecche alla griglia e in chili. “(3)

Tornato a casa Cheney ha iniziato capitalizzare le sue conoscenze insider di Washington lavorando per una società di consulenza, aiutare i clienti facoltosi con le loro decisioni di investimento. Ma ben presto tornò alla politica. Alla fine del 1970 si recò come deputato eletto alla Camera dei Rappresentanti. Tuttavia, lo stress e la pressione hanno avuto il loro effetto sulla cauta e contenuta Cheney – all’età di 37 anni ha sofferto il suo primo attacco di cuore.

Rumsfeld invece trovato il suo nuovo posto per un tempo più lungo in affari privati. Dan Searle, la farmaceutica magnate di Chicago che aveva finanziato la sua prima campagna elettorale 15 anni prima, ora lo ha affidato la sua intera azienda, che lo nomina a Searle CEO. Finanziariamente Rumsfeld è salito a nuovi livelli con quel lavoro. In qualità di CEO ha ottenuto 250,000 dollari l’anno, circa quattro volte di più che come segretario della difesa. (4) E anche nel suo nuovo lavoro ha fatto senza mezze misure. Entro breve tempo Rumsfeld sparato più della metà dei dipendenti, generando un enorme aumento dei profitti aziendali. I giornali di business lo esalta come un manager eccezionale.

Nel 1980 i repubblicani è tornato al potere con Ronald Reagan. Il nuovo presidente evocato l’immagine minacciosa dell’Unione Sovietica come un “impero del male” e l’aumento delle spese militari. La guerra fredda acquisito nuovo slancio.

Il Piano di Armageddon

In questo momento la Casa Bianca ha anche messo a punto un piano segreto di emergenza, messo in atto ma solo al 11 Settembre 2001 per la prima volta. Inizialmente si dovrebbe garantire che il governo possa continuare le proprie attività anche dopo un attacco nucleare sovietico. Il piano è stato chiamato COG (Continuità di Governo) e ha chiesto un provvedimento di emergenza molto particolare: quando il disastro ha colpito, tre squadre devono essere inviate in diversi luoghi del paese, la sostituzione del governo. Ogni squadra avrà un proprio “presidente”, così come le altre persone in piedi per i vari dipartimenti e agenzie governative. Se una squadra sarebbero stati uccisi, il prossimo potrebbe essere attivato. Così i progettisti speravano di mantenere il controllo sulle forze armate e le parti più importanti dell’amministrazione, dopo una bomba atomica o un altro disastro aveva spazzato via il governo di Washington. (5)

Le preoccupazioni per una possibile “decapitazione” della direzione nazionale sono state considerate molto seriamente, perché proprio questa linea d’azione è stata anche parte della strategia di guerra degli Stati Uniti verso i sovietici. (6)

Il piano COG non esisteva solo sulla carta. E ‘stato esercitato in realtà regolarmente nel 1980. Una volta l’anno le squadre, ciascuna composta da un “presidente”, un “capo del personale” e circa 50 membri dello staff, sono stati segretamente volato da Washington a una base militare chiusa o un bunker da qualche parte negli Stati Uniti. Ci hanno giocato lo scenario di emergenza per diversi giorni. Nemmeno i loro parenti più stretti sapevano circa la posizione o lo scopo dell’esercizio. (7)

Richard Clarke, poi coordinatore anti-terrorismo sotto la Clinton e Bush junior presidenti, ricorda una delle manovre in quel momento:

“Mi ricordo una volta in cui abbiamo ricevuto la chiamata. Abbiamo dovuto andare alla base Andrews Air Force e salire su un aereo e volare in tutto il paese. E poi scendere e correre in un piano più piccolo. E questo aereo volò via in un luogo deserto. E quando le porte si aprirono sul piano più piccolo, eravamo nel bel mezzo di un deserto. Camion alla fine è venuto e ci ha trovato e ci ha spinto a una tendopoli. Sai, questo è stato nei primi giorni del programma. Una città tenda nel mezzo del deserto – non avevo idea di dove eravamo. Non sapevo in che stato eravamo pollici Abbiamo trascorso una settimana in tenda, fingendo che il governo degli Stati Uniti era stato fatto saltare. E noi lo fosse. E ‘come se si stesse vivendo in un gioco. Si gioca-act. Tutti ci play-atti che è realmente accaduto. Non si può andare fuori a causa della radioattività. Non è possibile utilizzare i telefoni perché non sono collegati a nulla. “(8)

Una parte di ogni squadra è stata una segretaria autentico, che porta un dipartimento del governo anche nella vita reale. Doveva giocare il presidente. Eppure il suo portafoglio vita reale non importa – a un certo punto anche il Segretario dell’agricoltura ha svolto il presidente. Alla fine il segretario che partecipano all’esercizio di solito era proprio quello di essere superfluo. A quanto pare più importante è stato il ruolo del capo di stato maggiore. Questa parte è stato regolarmente svolto solo da una persona che era stato il capo della Casa Bianca anche nella vita reale. (9)

Pertanto Rumsfeld e Cheney sono stati i partecipanti regolarmente degli esercizi segreti COG annuali. Altri assistenti li ha descritti come persona implicata nella formazione del programma. (10) Così, ad un momento in cui i due uomini non avevano alcuna posizione nel governo (Rumsfeld, come detto, era il capo di una società farmaceutica, Cheney è stato membro del Congresso), entrambi spariscono ogni anno per qualche giorno per praticare l’adozione sopra del governo dopo un disastro.

Di sopra della legge

Il piano era segreto, anche perché bypassato la Costituzione. Dal momento che la successione presidenziale era già esplicitamente fissate dalla legge: se il presidente è morto, il vice presidente ha assunto, poi seguito dal presidente della Camera, dopo di lui il più lungo senatore serve, poi i segretari di stato, tesoro, difesa e così via . Tuttavia il piano COG semplicemente ignorato questa disposizione ben equilibrato costituzionale. In caso di emergenza si chiama, invece, per un presidente che non è stato democraticamente legittimato a tutti.

Il piano è stato autorizzato con una direttiva segreta del presidente Reagan. Secondo il suo consigliere per la sicurezza Robert McFarlane Reagan decise personalmente che potrebbe consentire alle singole squadre. L’ufficiale di collegamento COG in carica all’interno del Consiglio di Sicurezza Nazionale era Oliver North, che in seguito divenne noto come la persona chiave al centro della scandalo Iran-Contra. (11)

Solo per inciso, in relazione a tale scandalo, i primi dettagli del piano segreto è venuto alla luce nel 1987. Sotto la presidenza Reagan tenente colonnello Oliver North ha coordinato una serie di passaggi costruzione a tutti gli effetti un governo ombra, il Congresso non lo sapevo, per non parlare di averla approvata. Il Miami Herald ha scritto su questo nel 1987: “Oliver North ha aiutato elaborare un piano controverso di sospendere la Costituzione in caso di una crisi nazionale, come la guerra nucleare, violento e diffuso dissenso interno o di opposizione nazionale a un’invasione militare degli Stati Uniti all’estero. (…) Dal 1982 al 1984, del Nord assistito FEMA, il governo degli Stati Uniti il capo nazionale di gestione delle crisi unità, nel rivedere i piani di emergenza per far fronte a una guerra nucleare, insurrezione o massiccia mobilitazione militare. “(12)

Che il piano COG, sospendendo la Costituzione, potrebbe in effetti non essere attivata solo in caso di una guerra nucleare, è stata posta in una direttiva inoltre autorizzati da Reagan negli ultimi giorni della sua presidenza nel novembre 1988. Secondo questa direttiva, il piano dovrebbe essere eseguito in una “emergenza sicurezza nazionale”, definito piuttosto vaga come un “disastro naturale, attacco militare, emergenza tecnologica, o altre emergenze, che costituiscono una seria degrada o seriamente minaccia la sicurezza nazionale degli Stati Uniti” . (13) In effetti questo ha significato un enorme indebolimento dei principi democratici. Il piano COG, eseguito unter circostanze di cui, potrebbe anche essere usato come copertura per un colpo di Stato.

Nel frattempo, Cheney e Rumsfeld continuò segretamente esercita la presa in consegna del governo durante le loro manovre ogni anno di funzionamento. L’appartenenza a questa ristretta cerchia di dichiara i capi potenziali doveva essere una sensazione esaltante sia per gli uomini. In caso di un disastro enorme il destino della nazione si troverebbe nelle loro mani.

Raggiungere per la presidenza

Alla fine degli anni 1980 Cheney inoltre era salito al consiglio del Council on Foreign Relations , la rete di collegamento elite uomini d’affari e politici, ben noto per la sua grande influenza sulla politica estera americana. Nel frattempo Rumsfeld era diventato un multimilionario con la vendita della società farmaceutica che aveva condotto. Ha progettato in corsa per la presidenza nel 1988. Ma la sua campagna non è riuscito. Fin dall’inizio Reagan vice presidente Bush senior era stato il frontrunner repubblicano – e, infine, ha vinto le elezioni.

Ma ora Cheney avuto la sua occasione. Divenne segretario alla Difesa nella nuova amministrazione, la stessa posizione Rumsfeld aveva già dichiarato 12 anni prima. Cheney gestito con successo la prima guerra in Iraq nel 1991, che ha portato – parallelamente al declino dell’Unione Sovietica – per una distribuzione permanente di truppe americane nella ricca di petrolio dell’Arabia Saudita. Il controllo sull’Iraq era ormai a portata di mano.

Dopo la sconfitta dei repubblicani nel 1992 Cheney anche considerato un propria campagna presidenziale. Ma ben presto dovette rendersi conto che gli mancava il supporto. Invece si è trasferito al settore privato, diventando amministratore delegato di Halliburton , una delle aziende più grandi del mondo di alimentazione dell’olio. Come segretario della difesa aveva già la realizzazione dei collegamenti per l’impresa, che sfocia poi in multi-miliardi di dollari di contratti con il Pentagono. Il nuovo lavoro ora anche pieno di Cheney tasche, facendo di lui un multimilionario pure.

Nel frattempo, Rumsfeld si era affermato come un uomo d’affari molto efficace e ambiziosa. Nel 1990 per la prima condotto una società di telecomunicazioni, quindi una società farmaceutica.

Il piano COG esisteva ancora, ma con altre presunzioni. Dopo la caduta dell’Unione Sovietica non ha più focalizzata sulla minaccia nucleare russo, ma contro il terrorismo. Anche se è stato segnalato nella metà del 1990 che il presidente Clinton ha voluto il programma di eliminare gradualmente, in seguito divenne chiaro che questo annuncio solo applicato alla parte del piano relativa ad un attacco nucleare. (14) Poi coordinatore anti-terrorismo Richard Clarke poi rivelato di aver aggiornato il piano COG nel 1998. (15) La direttiva corrispondente presidenziale (PDD-67) era segreto. Il suo contenuto preciso non è mai stato reso pubblico. (16)

Guerra Fredda ricaricato

Allo stesso tempo, un cerchio di neoconservatori intorno Rumsfeld e Cheney pronto per il ritorno al potere. Alla fine degli anni 1990 hanno fondato un’organizzazione chiamata “Progetto per il Nuovo Secolo Americano” (PNAC). Il loro desiderio dichiarato: “aumentare la spesa per la difesa in modo significativo” e “sfidare i regimi ostili ai nostri interessi”. (17)

Parallelamente Rumsfeld dirigeva una commissione del Congresso valutazione del rischio di stranieri missili a lungo raggio. Già nel 1980 Ronald Reagan aveva avviato piani per una difesa missilistica nazionale, che appesantito il bilancio nazionale nel corso degli anni con circa 50 miliardi di dollari. Eppure, nel 1990 anche i servizi segreti non vedeva più una minaccia reale. Perché chi dovrebbe lanciare missili di Washington nel prossimo futuro? La Russia di Yeltsin? O la Cina, che è diventato economicamente sempre più interdipendenti con gli Stati Uniti? Tuttavia la cosiddetta “Commissione Rumsfeld” rivisto la valutazione delle agenzie di intelligence. Nel suo rapporto del 1998 pubblicato nuovi possibili aggressori sono stati nominati: Corea del Nord, l’Iran e l’Iraq. (18)

Nello stesso anno, Rumsfeld e soci del PNAC aveva già scritto una lettera aperta al presidente Clinton, chiedendogli di essere più duro sull’Iraq. Regime di Saddam Hussein dovrebbe essere “rimosso”, la lettera di richiesta. (19)

Infine, nel settembre 2000, due mesi prima delle elezioni presidenziali, ha pubblicato un documento PNAC lunga strategia, dando orientamenti politici per la prossima amministrazione. “Ricostruire le difese dell’America” è il titolo programmatico e ha analizzato i principi e le obiezioni di una nuova politica di difesa.

In pratica il documento propone di istituire un massiccio aumento della spesa per la difesa e una trasformazione delle forze armate in una posizione dominante, ma mobile, fattore di potenza rapidamente schierabili. L’obiettivo è stato sopportato la supremazia militare, che secondo PNAC avrebbe urgente bisogno di nuovi sistemi d’arma, come la difesa missilistica. Tuttavia, la carta fatta anche chiaro che il processo di attuazione di tali richieste sarebbe lunga e resistenza provocare, “assente” – cito – “qualche evento catastrofico e catalizzatore – come una nuova Pearl Harbor.” (20)

Una questione di energia

Dopo la inaugurazione di George W. Bush nel gennaio 2001 i membri di questo circolo assicurato importanti cariche nella nuova amministrazione. Cheney trasformato nel protagonista. Questo era diventato evidente ben prima delle elezioni. Già nel aprile 2000 Bush aveva chiesto di gestire la selezione del suo compagno di corsa alla vicepresidenza. Alla fine Cheney erano tutti, ma si è proposto per il lavoro. (21) Nel frattempo i maniaci del lavoro era sopravvissuto a tre attacchi di cuore. Una delle sue prime raccomandazioni a Bush è stata la nomina di Rumsfeld, quasi 70, come segretario alla Difesa. Vice del suo vecchio socio è diventato Paul Wolfowitz, un fautore della linea dura che aveva già lavorato per Cheney come capo stratega del Pentagono, all’inizio degli anni 1990. Rispetto a questi uomini il presidente Bush stesso era un nuovo arrivato a Washington. Anche se è stato benedetto con l’istinto politico e una intuizione molto pratico, non poteva certo reggere il confronto con le vecchie mani intellettualmente.

Uno dei primi passi della nuova amministrazione è stata la creazione di un “Gruppo Energia politica di sviluppo nazionale”. Era diretta direttamente da Cheney. La sua relazione finale, pubblicata nel maggio 2001, ha descritto la situazione del tutto apertamente:

“L’America nel 2001 affronta la carenza di energia più grave in quanto l’embargo del petrolio degli anni 1970. (…) Uno squilibrio fondamentale tra l’offerta e la domanda definisce la crisi energetica della nostra nazione. (…) Questo squilibrio, se perdura, inevitabilmente minare la nostra economia, il nostro tenore di vita, e la nostra sicurezza nazionale. (…) Le stime indicano che nei prossimi 20 anni, il consumo di petrolio degli Stati Uniti aumenterà del 33 per cento, il consumo di gas naturale, di oltre il 50 per cento, e la domanda di energia elettrica aumenterà del 45 per cento. Se la produzione di energia degli Stati Uniti cresce alla stessa velocità, come ha fatto nel 1990 ci troveremo ad affrontare una sempre maggiore divario. (…) Nel 2020, i produttori di petrolio del Golfo si prevede di fornire tra il 54 e il 67 per cento del petrolio mondiale. Così, l’economia mondiale quasi certamente continuerà a dipendere relativo alla fornitura di olio di Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC) membri, in particolare nel Golfo. Questa regione rimarrà vitale per gli interessi degli Stati Uniti. “(22)

Più tardi si è rivelato che il compito di Cheney energia della forza era anche segretamente esaminato una mappa dei campi petroliferi iracheni, oleodotti e raffinerie insieme a grafici dettaglio pretendenti stranieri per il-campo contratti lì. Anche in questo caso, la data di marzo 2001.

Anticipando l’impensabile

Parallelamente al suo impegno nella politica energetica della nuova amministrazione ha creato un “Ufficio di preparazione nazionale”. E ‘stato incaricato con lo sviluppo di piani che rispondono a un possibile attacco terroristico ed è diventato assegnato al “Federal Emergency Management Agency” (FEMA). (23) FEMA era già responsabile del piano COG dal 1980. Per richiamare di nuovo alla mente: “Dal 1982 al 1984, Oliver North assistito FEMA nella revisione dei piani di emergenza per far fronte a una guerra nucleare, insurrezione o massiccia mobilitazione militare.” (24)

Allora Cheney aveva svolto un ruolo nel plasmare questi piani. Ora poteva continuare il lavoro – perché Bush lo ha nominato a capo del nuovo programma. (25) direttore della FEMA, dall’altro è diventato Allbaugh Joe, che aveva poca esperienza professionale, ma in grado di offrire altre qualità. Allbaugh era manager della campagna di Bush, un uomo per le questioni difficili e piuttosto scortese e anche uno dei più stretti confidenti del presidente. Già nel 1994 era riuscito campagna di Bush di diventare governatore del Texas e alla fine del 2000 aveva aiutato fermare il conteggio dei voti in Florida. (26) Il fatto che un esperto di trucchi politici è stato nominato a capo della FEMA indica che l’amministrazione aveva in programma politici con l’agenzia di gestione delle emergenze fin dall’inizio.

Fino ad oggi è rivelata come il piano COG è stato curato nei dettagli sotto la direzione di Cheney nel 2001. Tuttavia, il seguente è evidente: nei mesi precedenti al 9/11 Cheney legata alle misure di gestione anti-terrorismo e di emergenza con la politica energetica nazionale. Commissioni di lavoro su entrambe le questioni sono state gestite da lui contemporaneamente. Questa connessione anticipato la politica dopo il 9/11, che possono essere riassunti come utilizzare un attacco terroristico come razionale per estendere il potere dell’esecutivo e di fare la guerra per prendere il controllo delle regioni del mondo più importanti per l’approvvigionamento energetico.

I piani di emergenza Rumsfeld e Cheney sono stati coinvolti con dal 1980 culminata nell’autunno 2001. La mattina dell’11 settembre, il programma COG segreto è stato attuato per la prima volta. (27) Poco prima delle 10:00 del mattino, dopo l’impatto del terzo aereo sul Pentagono, Cheney diede l’ordine di eseguirlo. (28)

L’ombra del governo

Quasi nulla si sa circa il contenuto del piano e gli effetti specifici della sua attivazione. Il segreto in questo senso appare grottesco. Anche il semplice fatto di attuazione del piano, il 9/11 è stato nascosto per mesi. Dopo sporadici accenni sulla stampa del Washington Post finalmente rivelato alcuni dettagli nel marzo 2002. In un articolo intitolato “Governo Ombra è al lavoro in segreto”, ha riferito che circa 100 alti funzionari dei vari dipartimenti lavorava fuori Washington, nel quadro del piano di emergenza a partire dal 9/11:

“I funzionari che si sono attivati per quello che alcuni di loro chiamano ‘bunker dovere’ vivere e lavorare sotterranei 24 ore al giorno, lontano dalle loro famiglie. Come si deposita in per il lungo raggio, il governo ombra ha mandato a casa la maggior parte della prima ondata di personale schierato, la loro sostituzione più comunemente a intervalli di 90 giorni. (…) Conosciuta internamente come COG, per ‘la continuità di governo’, l’amministrazione-in-attesa è un complemento senza preavviso per l’assenza riconosciuto del vice presidente Cheney da Washington per gran parte degli ultimi cinque mesi. Sopravvivenza Cheney assicura successione costituzionale, ha detto un funzionario, ma ‘non può governare il paese da solo.’ Con un nucleo di dirigenti federali al suo fianco, Cheney – o il presidente Bush, se disponibile – ha i mezzi per dare effetto ai suoi ordini “(29).

Ma ciò che ha dato ordini di Cheney al suo strano “governo ombra”, mentre i suoi soggiorni al bunker? E che giustificato estendere questa misura di emergenza per un tempo apparentemente infinito? Per la Casa Bianca chiaramente non erano stati spazzati via dalle bombe. Il presidente ha vissuto e la sua amministrazione è stata in grado di agire. Chi ha bisogno di un governo permanente secondo segreto?

Dopo la prima divulgazione di questi fatti nella primavera del 2002 i politici di spicco del legislativo iniziato subito esprimere il loro stupore. Ben presto fu chiaro che né Senato né della Camera dei Rappresentanti sapeva nulla l’attivazione di COG e il lavoro del “governo ombra” in segreto. Il parlamento era stato semplicemente ignorato. (30) In seguito la Commissione 9/11 il segreto esperienza esecutiva simile. Anche se ne ha parlato nella sua relazione finale l’attuazione del piano, il 9/11, ha anche ammesso di non aver esaminato la questione in profondità. Invece la Commissione aveva solo stato informato “sulla natura generale” del piano. (31)

Patriots sotto pressione

Una risposta immediata al 9/11 è stato il Patriot Act , approvato solo un mese più tardi, e che consente una vasta gamma di misure molto controverse, da intercettazioni senza mandato domestica alla detenzione di sospetti terroristi stranieri. Quest’ultimo legalizzato le procedure prossime a Guantanamo, portando a prigioni segrete degli Stati Uniti in tutto il mondo.

Due avversari influenti di queste modifiche legislative erano Tom Daschle, leader della maggioranza al Senato, e Patrick Leahy, capo della Commissione Giustizia del Senato. Entrambi hanno ricevuto lettere con spore di antrace mortale. La fonte non è mai stato tracciato con certezza. Dopo di che Daschle e Leahy ha dato la loro resistenza contro la nuova legislazione e approvato il Patriot Act . (32)

Nella loro radicalità dei cambiamenti in fretta passati assomigliava ai decreti attuativi, mentre lo stato di emergenza. E infatti erano similmente già parte del piano COG nel 1980. (33)

I funzionari governativi che hanno familiarità con COG indicato dopo il 9/11 che il piano potrebbe davvero hanno portato la legge marziale – se in aggiunta agli attacchi al World Trade Center e il Pentagono ha anche un gran numero di membri del Congresso e leader dell’esecutivo era stato ucciso in quel giorno. (34)

E ‘in questo contesto una coincidenza solo che il quarto aereo dirottato l’11/9 si stava dirigendo verso Washington per colpire il Campidoglio o la Casa Bianca? (35)

Killers del Sudan?

Vi sono anche prove circostanziali per un tentativo di assassinio del presidente Bush in Florida quella mattina. Il Secret Service aveva ricevuto un avvertimento relativo la sera prima alle 4:08 del mattino, secondo un rapporto TV con una filiale locale ABC. (36) Poche ore dopo gli agenti dei servizi segreti cercato un appartamento a Sarasota e ha arrestato quattro uomini provenienti dal Sudan, a quanto pare appartenente al sud sudanese Esercito di liberazione SPLA, una forza paramilitare segretamente sostenuto dagli Stati Uniti. (37) Anche AP ha riportato questi arresti che citano che i sospetti erano stati liberati presto di nuovo perché non avevano “alcun collegamento” a 9/11. L’intera questione sarebbe stata solo una “coincidenza”. (38)

l presidente Bush ha trascorso la notte prima dell’11 / 9 in un resort su Longboat Key, un’isola vicino a Sarasota dove ha programmato di visitare una scuola elementare la mattina successiva. Longboat Key Fuoco Marshall Carroll Mooneyhan è un’ulteriore testimonianza del tentativo di assassinio possibile. Ha detto che verso le 6 di mattina del 11 settembre un furgone con sedicenti giornalisti di origine medio-orientale si era tirato su al villaggio di Bush, affermando che ha avuto un colloquio “a bordo piscina” con il presidente. Gli uomini chiesto un agente speciale dei servizi segreti per nome, ma dove si allontanò dalle guardie. (39)

Erano questi “giornalisti” identici con i sudanesi temporaneamente arrestato dai servizi segreti più tardi quella mattina a Sarasota? L’incidente assomigliava almeno l’assassinio di successo dei talebani nemico Ahmed Shah Massoud, due giorni prima, il 9 settembre in Afghanistan. Gli attentatori suicidi ci sono stati anche una troupe televisiva falso con una bomba nascosta in una macchina fotografica, come il New York Times ha riferito il 10 settembre. (40)

Inoltre tre testimoni ricordava di aver visto Mohammed Atta e un compagno a Longboat Key, Holiday Inn il 7 settembre, tre giorni prima che Bush avrebbe passato la notte in quella stessa isola piccola. (41) 7 settembre è stato anche il giorno in cui la Casa Bianca prima volta pubblicamente annunciato programma di Bush di recarsi a Sarasota. (42) In questo contesto, è sicuramente vale la pena di prendere in considerazione se Atta esplorato il posto per un attentato.

Completamento della trama

La domanda sorge spontanea: ha un cerchio intorno a Cheney, Rumsfeld e alcuni soci utilizzare 9/11 per un colpo di stato mascherato, in parte fallito nella sua esecuzione?

Indipendentemente dalla risposta a questa domanda – 9/11, infatti, ha permesso l’attuazione delle misure di emergenza, l’indebolimento della procedura legislativa, l’inizio di numerose guerre e un massiccio aumento della spesa per la difesa. Gli importi in questione facilmente superare l’immaginazione degli osservatori.

Mentre nella seconda metà degli anni 1990 il bilancio della difesa media nazionale pari a circa 270 miliardi di dollari l’anno, il numero quasi raddoppiato nel decennio dopo il 9/11, quando il bilancio medio annuo è salito a più di 500 miliardi di euro. (43) Per i contraenti privati del Pentagono, che ha determinato un aumento delle vendite di inconcepibili 2,300 miliardi di dollari tra il 2001 e il 2010.

Una economia nazionale sotto le braccia

Se si guarda allo sviluppo della spesa per la difesa negli Stati Uniti dal 1940, alcune conclusioni importanti sorgere. (44) E ‘come se l’attacco a Pearl Harbor e il coinvolgimento seguente nella seconda guerra mondiale ha portato ad un cambiamento strutturale dell’economia americana. Il valore di bilancio dei militari non è mai stato ridotto ad un livello “normale” dopo. Al contrario, è aumentato di decennio in decennio. Così l’intera economia entrato in una dipendenza mortale sul business della difesa.

Questo continuo sviluppo si arrestò solo con la caduta dell’Unione Sovietica. Dieci anni dopo, quindi 9/11 è diventata l’evento catalizzatore per rilanciare la formazione militare di nuovo – con tutti i suoi effetti economici di massima sul paese.

Cheney e Rumsfeld non sembrano essere fattori determinanti in questo “gioco”, ma soltanto due manager di talento, salito in cima nel flusso degli eventi. Autore James Mann, che ha divulgato il loro coinvolgimento nel piano COG prima volta nel 2004, ha descritto il loro ruolo politico in questo modo:

“La loro partecipazione alle extra-costituzionali continuità-di-governo esercizi, notevoli in sé, mostra anche un ampio, la verità di fondo in merito a questi due uomini. Per tre decenni, a partire dal Amministrazione Ford, anche quando erano fuori dal ramo esecutivo del governo, non sono mai stati lontani. Sono rimasti in contatto con la difesa, militare, e dell’intelligence, che regolarmente chiamati su di loro. Erano, in un certo senso, una parte della permanente nascosta apparato di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, abitanti di un mondo in cui presidenti vanno e vengono, ma l’America continua a combattere. “(45)

Note

(1) US Department of Defense, 09.05.02, “il Segretario alla Difesa Donald H. Rumsfeld parlando ad Omaggio a Milton Friedman”

http://www.defense.gov/speeches/speech.aspx?speechid=216

(2) James Mann, “Rise of i Vulcaniani. La storia del gabinetto di guerra di Bush s “, New York 2004, p. 73

(3) Donald Rumsfeld, “note e sconosciute. A Memoir “, New York 2011, p. 240

(4) Ibid., P. 245

(5) James Mann, “Rise of i Vulcaniani. La storia del gabinetto di guerra di Bush s “, New York 2004, pp 138-145

(6) Ibid., P. 139

(7) Ibid., P. 138

(8) ABC, 25.04.04, “Worst Case Scenario – piano segreto per il controllo del governo degli Stati Uniti dopo un attacco andato in moto il 9/11”

http://web.archive.org/web/20040429063810/

http://abcnews.go.com/sections/Nightline/Politics/armageddon_plan_040425.html

(9) James Mann, “Rise of i Vulcaniani. La storia del gabinetto di guerra di Bush s “, New York 2004, p. 140

(10) Ibid., P. 138;

Washington Post, 07.04.04, “Piano ‘Armageddon’ stato messo in azione il 9/11, Clarke dice”, Howard Kurtz

http://www.washingtonpost.com/ac2/wp-dyn/A55877-2004Apr6

(11) James Mann, “Rise of i Vulcaniani. La storia del gabinetto di guerra di Bush s “, New York 2004, p. 142

(12) Miami Herald, 05.07.87, “Aiutanti Reagan e il, governo segreto ‘”, Alfonso Chardy

http://theforbiddenknowledge.com/hardtruth/secret_white_house_plans.htm

(13) Peter Dale Scott, “The Road to 9/11. Ricchezza, Impero, e il futuro dell’America “, Berkeley 2007, p. 185;

Executive Order 12656 – “Assegnazione delle responsabilità di preparazione alle emergenze”, 18.11.88

http://www.archives.gov/federal-register/codification/executive-order/12656.html

(14) Peter Dale Scott, “The Road to 9/11. Ricchezza, Impero, e il futuro dell’America “, Berkeley 2007, p. 186

(15) Richard Clarke, “Against All Enemies. All’interno War America s al terrore “, New York 2004, p. 167

(16) PDD-NSC- 67 – “Enduring governo costituzionale e la continuità delle operazioni del governo”, 21.10.98

www.fas.org/irp/offdocs/pdd/pdd-67.htm

(17) Progetto per il Nuovo Secolo Americano, 03.06.97, “Dichiarazione di principi”

http://newamericancentury.org/statementofprinciples.htm

(18) New York Times, 16.07.98, “Pannello dice US Faces rischio di un attacco missilistico a sorpresa”, Eric Schmitt

http://www.nytimes.com/1998/07/16/us/panel-says-us-faces-risk-of-a-surprise-missile-attack.html

(19) Progetto per il Nuovo Secolo Americano, 26.01.98, “L’Iraq Lettera Clinton”

www.newamericancentury.org / iraqclintonletter.htm

(20) Progetto per il Nuovo Secolo Americano, settembre 2000, “Ricostruire le difese dell’America”, p. 51

(21) Barton Gellman “Angler,. La Vice Presidenza Cheney “, New York 2008, Capitolo 1

(22) “Politica energetica nazionale – Relazione del Gruppo Nazionale per lo sviluppo della politica energetica”, 16.05.01

(23) Comunicato stampa della Casa Bianca, 08.05.01, “Cheney per supervisionare gli sforzi antiterrorismo nazionali”

http://www.usembassy.it/file2001_05/alia/a1050801.htm

(24) Miami Herald, 05.07.87, “Aiutanti Reagan e il, governo segreto ‘”, Alfonso Chardy

http://theforbiddenknowledge.com/hardtruth/secret_white_house_plans.htm

(25) Comunicato stampa della Casa Bianca, 08.05.01, “Cheney per supervisionare gli sforzi antiterrorismo nazionali”

http://www.usembassy.it/file2001_05/alia/a1050801.htm

(26) Peter Dale Scott, “The Road to 9/11. Ricchezza, Impero, e il futuro dell’America “, Berkeley 2007, p. 210

(27) 9/11 Commission Report, p. 38

http://govinfo.library.unt.edu/911/report/911Report.pdf

(28) “Timeline Breve Day del 9/11 Eventi, elaborato dalla Casa Bianca”

www.scribd.com/doc/12992821/Brief-Timeline-of-Day-of-911-Events-drafted-by-White-House

Washington Post, 27.01.02, “Road Chaotic dell’America alla guerra”, Dan Balz e Bob Woodward

http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/content/article/2006/07/18/AR2006071801175_pf.html

(29) Washington Post, 01.03.02, “Governo Ombra è al lavoro nel segreto”, Barton Gellman e Susan Schmidt

http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/content/article/2006/06/09/AR2006060900891.html

(30) Washington Post, 02.03.02, “Non Congresso INFORMATI DELLA Governo Ombra”, Amy Goldstein e Giulietta Eilperin

http://www.washingtonpost.com/ac2/wp-dyn/A26212-2002Mar1

(31) 9/11 Commission Report, p. 555

http://govinfo.library.unt.edu/911/report/911Report.pdf

(32) Salon, 21.11.01: “Perché Daschle e Leahy?”, Anthony York

http://dir.salon.com/story/politics/feature/2001/11/21/anthrax/index.html

(33) Miami Herald, 05.07.87, “Aiutanti Reagan e il, governo segreto ‘”, Alfonso Chardy

http://theforbiddenknowledge.com/hardtruth/secret_white_house_plans.htm

(34) ABC, 25.04.04, “Worst Case Scenario – piano segreto per il controllo del governo degli Stati Uniti dopo un attacco andato in moto il 9/11”

http://web.archive.org/web/20040429063810/http://abcnews.go.com/sections/Nightline/Politics/armageddon_plan_040425.html

(35) 9/11 Commission Report, p. 14

http://govinfo.library.unt.edu/911/report/911Report.pdf

(36) Daniel Hopsicker, “Welcome to Terrorlandia”, 2004, p. 42

(37) Ibid., P. 44

(38) Ibid., P. 45

(39) Longboat Observer, 26.09.01, “Possibile incidente Longboat terroristico – E ‘un indizio o è una coincidenza?”, Shay Sullivan

http://web.archive.org/web/20030220064542/ http://www.longboatobserver.com/showarticle.asp?ai=1874

(40) New York Times, 10.09.01, “Foe talebani Hurt e Aide Ucciso da Bomb”

http://www.nytimes.com/2001/09/10/world/taliban-foe-hurt-and-aide-killed-by-bomb.html

(41) Longboat Observer, 21.11.01, “Due dirottatori Longboat?”, Shay Sullivan

http://web.archive.org/web/20021209013255/

http://www.longboatobserver.com/showarticle.asp?ai=2172

(42) Casa Bianca, 07.09.01 “conferenza stampa di Ari Fleischer”,

http://web.archive.org/web/20010913052601/

http://www.whitehouse.gov/news/releases/2001/09/20010907-1.html # settimana

(43) US Office of Management and Budget, “Tabella 3.1 – Esborsi di Superfunction e funzione: 1940-2016”

www.whitehouse.gov / Omb / bilancio / Storici

(44) Ibid.

(45) The Atlantic, marzo 2004, “Il Piano Armageddon”, James Mann

http://www.commondreams.org/views04/0318-14.htm

James Mann, “Rise of i Vulcaniani. La storia del gabinetto di guerra di Bush s “, New York 2004, p. 145

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Tag Cloud