Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

I Cobas denunciano la chiusura al pubblico dei Beni Culturali e lo stato di abbandono del San Matteo

Postato il 11 Gennaio 2014 | in Lavoro Pubblico, Sindacato | da

Nonostante il nostro paese abbia il 60% del patrimonio mondiale, i beni culturali languono tra tagli e “razionalizzazione delle spese”, con conseguente riduzione del personale e precarizzazione delle condizioni lavorative.

Il personale dei beni culturali opera in condizioni di grave disagio, determinato dal blocco dei salari e dalla riduzione degli organici.

Con la LEGGE n 117 del 4 ottobre 2013, ” Disposizioni per l’assestamento del bilancio dello Stato e dei bilanci delle Amministrazioni autonome per l’anno finanziario 2013”, entrata in vigore lo scorso 29 ottobre, è stato decurtato di 3 milioni di euro il Fondo unico di amministrazione dei lavoratori dei beni culturali. Sempre meno soldi sono destinati al comparto !!

In questa situazione i beni culturali sono lasciati nell’incuria e nell’abbandono e con essi i lavoratori e le lavoratrici.

Anche rivendicare la puntuale erogazione dei buoni pasto e condizioni di sicurezza nei luoghi di lavoro è diventato un lusso, basti pensare a lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria rinviati e\o mai completati.

Al San Matteo il personale ha locali privi di acqua calda e con impianti di riscaldamento mal funzionanti, la situazione è destinata a peggiorare con il ventilato trasferimento di parte della Biblioteca Universitaria la cui chiusura è stata un autentico paradosso per come si è realizzata.

Il sostanziale blocco delle assunzioni impedisce ai musei di restare aperti al pubblico, con ripercussioni negative anche sull’economia del paese, perchè il turismo e la cultura dovrebbero ricevere adeguati sovvenzioni rappresentando un fattore di crescita e di sviluppo.

Ma un governo miope pensa solo a tagliare fondi destinati alla cultura!!

Ci sono poi situazioni di crescente disparità di trattamento che sono fonte di ulteriore divisione del personale e assegnano ampio potere discrezionale ai dirigenti.

Perfino i profili professionali risultano inadeguati rispetto alle reali mansioni svolte , i turni e gli orari sono spesso gestiti con disparità e senza quella flessibilità in entrata ed uscita che rappresenterebbe solo una soluzione di buon senso.

In questi anni si è preferito tacere una situazione di disagio, nascondendosi dietro a contrattazioni regionali che hanno lasciati insoluti tutti i principali problemi.

COBAS PUBBLICO IMPIEGO

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

26 marzo 2021

sciopero Cobas Scuola

presidio a Pisa

piazza XX settembre ore 10:00

Tag Cloud