Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Diritto all’odio di classe

Postato il 29 Dicembre 2012 | in Italia, Scenari Politico-Sociali | da

Diritto all’odio di classe. A proposito di una recente sentenza di Cassazione

La sentenza di Cassazione n.16643 del 15 novembre 2012, stabilisce  illegittimo il licenziamento del lavoratore che manifesti odio verso la sua azienda senza recare danno al proprio datore.
In questi anni sono stati numerosi i casi di lavoratori  cacciati fuori da aziende che avevano osato criticare e contestare per le condizioni di vita e di lavoro , per il mancato pagamento delle spettanze. Sovente le cause per la riammissione sono state vinte, qualche volta perse.  La Magistratura afferma che senza condotte oggettive non può esserci recesso del rapporto di lavoro.
Verrà un momento in cui analizzeranno gli umori e i pensieri dei lavoratori e delle lavoratrici, uno scenario da fantascenza per espellere e isolare le voci di dissenso, di opposizione…
La sentenza di Cassazion e aggiunge il divieto di di non disporre  perizia medica, richiesta dall’azienda, per accertare il profilo psicologico del dipendente. Insomma nessuna perizia  per accertare come l’inimicizia nutrita dal lavoratore nei confronti del datore determini effetti anche nelle prestazioni imposte dal contratto.  Bontà sua la  cassazione stabilisce la liberà di coltivare sentimenti di critica e di odio sempre che non si trasformino in azioni. A quando un intervento sulla libertà di pensiero?

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Giovedì 6 maggio 2021 ore 10 manifestazione a Firenze in via Mannelli

Giovedì dalle ore 17:00 alle 19:00 assemblea No-INVALSI

Tag Cloud