Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Anche per i volontari il documento di valutazione del rischio

Postato il 31 Marzo 2014 | in Sicurezza sul lavoro | da

E’ ormai diffusa l’abitudine nel terzo settore di sostituire personale contrattualizzato e formato, personale retrobuito insomma con volontari. Lasciamo perdere per un momento se il volontario è un pensionato con bassa pensione al quale viene retribuita qualche somma “a rimborso spese” (al nero spesso e volentieri), o se il volontario è in realtà costretto per qualche sanzione alternativa alla pena o se ancora è un giovane (e meno giovane) che beneficia di uno stage. A prescindere da chi sia e cosa faccia, l’associazione ha l’obbligo di redigere la valutazione del rischio per i volontari , dotarli di regolari dispositivi di protezione individuale in rapporto alle attività svolte

Tutto cio’ viene ribadito anche dalla direzione provinciale del lavoro con un cosiddetto interpello http://www.dplmodena.it/interpelli/Sicur8-2014.pdf

Altro aspetto non secondario è la copertura infortunistica , sovente i volontari ne sono sprovvisti

E’ arrivato il momento di una valutazione obiettiva sul ruolo e sulle funzioni del volontariato, si parta allora dalla sicurezza per poi focalizzare l’attenzione sull’utilizzo improprio che viene fatto di queste importanti figure sempre più spesso utilizzate in antitesi e in sostituzione di personale formato e con regolare contratto. In questo modo profilerano sfruttamento e dinamiche quali il ricorso ai rimborsi spese al posto di regolari contribuzione proprio nei settori che fanno della solidarietà, dell’etica, della sportività la loro ragione sociale, insomma tra il dire e il fare c’è di mezzo….lo sfruttamento

Sportello sicurezza nei luoghi di lavoro Cobas Pisa

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Tag Cloud