Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Lo ius soli e la cancellazione della Bossi Fini. I Cobas rispondono alla destra

Postato il 13 Gennaio 2014 | in Scenari Politico-Sociali, Territori | da

Il dibattito sulla cittadinanza si lega ai processi sociali anche se il dibattito politico sembra più avvezzo a parlare di altro.

Non si tratta per noi di questione di civiltà, dl resto da mesi il Governo Letta si è già espresso contro il riconoscimento dello isu soli perchè estraneo al percorso di fiducia su cui si basa il Governo.

Le aperture di Renzi sono del resto ambigue e i cambiamenti saranno più formali che di sostanza.

L’Europa della Troika è costituita contro i popoli e in primis le calssi lavoratrici chiamate a pagare il debito contratto dalle banche e dalle speculazioni finanziarie occultato da una sequela di luoghi comuni come la presunta spesa pubblica eccessiva e l’alto costo del lavoro in un paese che da 10 anni oggi ha visto il potere di acquisto in regressione.

In assenza di democrazia e di reale partecipazione urge rimettere al centro l’allargamento dei diritti che riguardano le classi sociali subalterne, la cittadinanza e anche i migranti.

Da qui il riconoscimento della cittadinananza ai migranti va inserita nel contesto sociale ed economico attuale, in cui i migranti e le classi popolari sono attaccate da precarietà, emergenza abitativa, esclusi dai processi decisionali.

Ha ragione il filosofo Baliba a pensare che lo ius soli vada inserito nel rapporto tra“cittadinanza e democrazia” e da qui deve scaturire la cancellazione di quella legge vergognosa che si chiama Bossi Fini.

La propoganda di gruppi di destra, estrema e non, è del resto vecchia perchè la loro idea di democrazia e di cittadinanza non è inclusiva dei diritti delle classi subalterne e delle loro istanze anche se si nascondono dietro alla demagogia contro le banche, le stesse che da decenni sono i principali finanziatori della destra.

Legge volantini sul territorio pisano contro lo ius soli è la dimostrazione che la destra ha di nuovo indossato la propria divisa di ordinanza e assunto quel respertorio xenofobo e razzista a cui risponderemo nelle piazze, nella società e nelle scuole

Confederazione Cobas Pisa

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

26 marzo 2021

sciopero Cobas Scuola

presidio a Pisa

piazza XX settembre ore 10:00

Tag Cloud