Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Legge Regionale N. 28: l’ultimo scippo della Sanità

Postato il 26 Maggio 2015 | in Sanità, Sindacato | da

tagli-alla-sanitaLa Regione Toscana continua a infierire sulla sanità: dopo il decreto del ministro della salute Balduzzi nel 2012, con cui in Toscana si sono tagliati posti letto a gogò (più di quanti ne raccomandava la legge), ha aperto il 2015 con la legge regionale n. 28 di “riordino” della sanità, finalizzata a portare scompiglio, con la riduzione del personale di migliaia di unità e delle ASL da 12 a 3, tante quante sono le Aree Vaste (1- Firenze, Pistoia e Prato; 2- Siena, Arezzo e Grosseto; 3- Pisa, Livorno, Lucca e Massa).

Così Enrico Rossi, il “governatore”, dopo avere sconvolto la sanità in Toscana quando ne è stato assessore per 10 anni (a proposito: vorrà dire qualcosa che all’epoca la direzione dell’ASL di Massa ha fatto un buco di 400 milioni di euro; e che la consorte di Rossi risulta inquisita per abuso d’ufficio come ex-direttrice dell’ASL di Siena?), ritorna ora all’attacco, con un disegno che di “ordine” ha solo quello del potere di tipo assoluto conferito a un super-management accentratore, sempre più separato dai bisogni dei cittadini, sempre più dominante sui lavoratori del sistema sanitario e su chi deve curarsi.

Leggi tutto il comunicato nel documento in allegato:

volantone_sanita

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Tag Cloud