Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

La decontaminazione degli ambienti ? Solo se costa poco

Postato il 6 Luglio 2013 | in Italia, Scenari Politico-Sociali | da

Nel decreto Del Fare troviamo scritto “Nei casi in cui le acque di falda determinano una situazione di rischio sanitario, oltre all’eliminazione della fonte di contaminazione ove possibile ed economicamento sostenibile, devono essere adottate misure di attenuazione della diffusione della contaminazione”

Nel decreto governativo di inizio estate e nel più assoluto silenzio, è stata introdotta una norma pericolosissima , infatti non solo viene modificato il testo Unico sull’Ambiente (D.lgs. 152/2006 ) che recepiva la direttiva europea basata sul principio che chi inquina paga , ma il risanamento è di fatto subordinato alla sostenibilità economica degli interventi di bonifica

Detto in altri termini , la salute dei cittadini e dei lavoratori è una variabile dipendente in base ai costi economici

Se lo Stato rinuncia a bonificare ambienti inquinati, immaginiamoci cosa faranno quei soggetti privati (industriali..) che potranno addurre la motivazione occupazionale per salvaguardare i loro profitti rinviando sine die interventi a salvaguardia della salute

E’ evidente che il Governo Letta abbia sposato la linea Confindustriale e in un colpo solo ha inferto un duro colpo alle normative in materia ambientale decretando il disimpegno pubblico in materia di salute.

Mentre si parla dell’acqua come bene comune, il Governo sta salvando chi le falde acquifere le contamina rinunciando ad investire fondi pubblici a tutela della salute dei cittadini

Confederazione Cobas Pisa

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Asseblea pubblica di Autonomia Differenziata

giovedì 9 Dicembre ore 21:00

presso il Circolo Pace e Lavoro di Pisa

Tag Cloud