Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Gli invisibili lavoratori stagionali

Postato il 30 Marzo 2013 | in Italia, Scenari Politico-Sociali | da

Le stanno studiando di tutte per rendere ancora più precario e mal pagatop il lavoro stagionale.

Orari di lavoro impossibili, paghe da fame , contratti irregolari erano la norma, ora stanno provando a cancellare il regolare contratto a tempo determinato sostituendolo con il contratto intermittente.

In allegato i materiali e l’invito a lavoratrici e lavoratori di rivolgersi allo sportello cobas.

Dalla dpl di modena

http://www.cobasconfederazionepisa.it/wp-content/uploads/2013/03/interpello.pdf

Interpello del Ministero del Lavoro

Lavoro intermittente per il personale addetto agli stabilimenti balneari

 La Direzione Generale per l’Attività Ispettiva del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con interpello n. 13 del 27 marzo 2013, ha risposto ad un quesito delle Associazioni: AGCI, CONFCOOPERATIVE e LEGACOOP, in merito alla possibilità di impiegare il personale addetto ai servizi di salvataggio presso gli stabilimenti balneari per l’attività di assistenza ai bagnanti con contratto di lavoro intermittente, assimilando tale figura al “personale addetto agli stabilimenti di bagni e acque minerali” di cui al n. 19 della tabella allegata al R.D. 6 dicembre 1923, n. 2657.

La risposta in sintesi:

“…Ciò premesso, la figura del “personale addetto agli stabilimenti di bagni e acque minerali” di cui al n. 19 della tabella allegata al citato Regio Decreto risulta assimilabile a quella dei bagnini assistenti bagnanti degli stabilimenti balneari.

Analizzando lo svolgimento dell’attività di entrambe le categorie, infatti, appare evidente che le funzioni svolte dal personale degli stabilimenti di bagni e acque minerali e dagli assistenti bagnanti degli stabilimenti balneari è sostanzialmente identica. In entrambe le ipotesi la prestazione richiesta ai lavoratori in questione consiste nello svolgere assistenza e/o soccorso ai bagnanti delle strutture acquatiche dei parchi termali – nell’accezione più moderna rispetto ai “bagni” descritti nel R.D. del 1923 – nel primo caso e delle località balneari nel secondo.

Premesso quanto sopra si ritiene possibile instaurare rapporti di lavoro intermittente per il personale addetto ai servizi di salvataggio presso gli stabilimenti balneari per l’attività di assistenti bagnanti al pari del personale addetto agli stabilimenti di bagni e acque minerali.”.

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Tag Cloud