Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Il patto di stabilità

Postato il 21 Febbraio 2014 | in Italia, Lavoro Pubblico, Scenari Politico-Sociali, Sindacato | da

Gli acquazzoni e le città

Saranno eventi eccezionali ma resta il fatto che ad ogni acquazzone lecittà vanno nel panico e i danni a cittadini e aziende sono sempre più ingenti

Le risorse dei Comuni
Qualcuno doprebbe chiedersi la ragione delle sempre più numerose criticità ambientali che obbligano gli enti locali a interventi straordinari per i quali ormai mancano i soldi.

Non si tratta solo di manutenzioni rinviate o mai fatte ma di rivedere i piani di investimenti per la messa in sicurezza del territorio, delle strade.

La sola proposta percorribile è quella di restuituire ai Comuni una reale urgenze capacità di programmazione e di intervento nell’ambito delle opere pubbliche, di dotare le Regioni di fondi e strumenti per arrestare il dissesto idrogeologico e di non buttare a mare l’operato delle Province. La tutela del territorio avviene solo con l’investimento pubblico, con la programmazione dei fondi comunitari destinati alla messa in sicurezza del territorio.

Oggi più che mai è necessaria almeno una deroga ai vincoli sulle assunzioni di personale pubblico legate allo svolgimento delle funzioni di tutela del territorio perché non basta destinare fondi se poi mancano lavoratori e lavoratrici in grado di eseguire, programmare, controllare questi interventi.

Ancora una volta lo sforamento del Patto di stabilità imposto agli enti locali diventa una priorità.

Cobas Pubblico Impiego

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

26 marzo 2021

sciopero Cobas Scuola

presidio a Pisa

piazza XX settembre ore 10:00

Tag Cloud