Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Basta politiche liberticide: accoglienza e rispetto dei migranti!

Postato il 5 Ottobre 2013 | in Italia, Scenari Politico-Sociali | da

Di fronte all’ennesima strage di migranti al largo di Lampedusa – che si va ad aggiungere alle oltre 6200 vittime che dal 1994 a oggi hanno fatto diventare il Mediterraneo”la bara della civiltà”-la Confederazione Cobas rifugge dall’ipocrisia dei palazzi del potere e delle istituzioni, che mentre dichiarano il lutto nazionale, continuano nelle politiche di esclusione e repressione dei migranti.

Dalla Bossi-Fini, al Trattato di Shengen,alla Convenzione di Dublino, leggi,direttive e regolamenti UE sono tutti improntati a risolvere le sempre più frequenti ondate migratorie -dei profughi e degli asilanti – attraverso odiosi strumenti punitivi di respingimento e sopruso.

La legge italiana che vieta ai pescherecci di soccorrere i naufraghi , nel suo genere è la più infame di tutte, nega la più antica delle tradizioni marinare sul soccorso,punisce fino al sequestro del peschereccio, i tanti pescatori che continuano a corrispondere ai principi umanitari.

Le responsabilità storiche del colonialismo europeo sono arcinote; così come quelle più recenti della UE con gli interventi militari”umanitari” in Somalia e Libia, sempre con l’Italia in testa nel fornire truppe e basi per l’aggressione. Il passato e il presente avrebbero dovuto far cogliere alla UE l’occasione per una azione risarcitoria nei confronti dei migranti, che chiedono accoglienza fuggendo da guerre,persecuzioni,schiavitù e fame.

Niente di tutto ciò, si continua a procurare e ad essere complici delle stragi !

E’ del 3 ottobre 2013 il Rapporto in cui cinicamente il Consiglio Europeo , senza farsi carico di considerare il suolo italiano -in particolare l’isola di Lampedusa- territorio a tutti gli effetti europeo, si permette di scaricare sull’Italia l’onere “ dell’accoglienza ai richiedenti asilo-rifugio politico, dell’espulsione di chi non ha bisogno di protezione,dell’evitare che i clandestini proseguano il viaggio verso altri Stati Europei”.

Insomma, alla Fortezza Europa, interessa solo la forza lavoro migrante a basso costo e quando se ne ha bisogno: di accoglienza garantita e ripartita non se ne vuole sapere, mentre la funzione repressiva è delegata ai paesi di sbarco “ al fine di tutelare la tranquillità degli altri paesi europei “!

Questa Europa delle banche e della finanza, dell’austerità e della precarietà , dei CIE e dell’esclusione dei migranti, che piace tanto al governo Letta e ai partiti che lo appoggiano, ci vedrà sempre ostili e conflittuali, oltremodo nel contrastare le liberticide politiche sull’immigrazione,di cui l’Italia porta il triste primato per avere introdotto il reato di clandestinità.

Unanime cordoglio della Confederazione Cobas alle famiglie delle vittime e ai superstiti, alle Comunità dei migranti e all’intero popolo migrante : l’impegno della Confederazione Cobas ad abrogare la Bossi-Fini e le infami leggi razziste, a chiudere i CIE, a rivedere subito il Tratto di Shenghen e la Convenzione di Dublino, a contribuire all’accoglienza dei migranti con ogni mezzo .

Roma 4.10.2013

CONFEDERAZIONE COBAS

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Giovedì 6 maggio 2021 ore 10 manifestazione a Firenze in via Mannelli

Giovedì dalle ore 17:00 alle 19:00 assemblea No-INVALSI

Tag Cloud