Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Tasse locali insostenibili

Postato il 23 Luglio 2013 | in Italia, Scenari Politico-Sociali | da

Riceviamo e pubblichiamo da www.liberazione.it

Tasse locali Insostenibili

E’ il federalismo, bellezza. E’ stato per compiacere la Lega (o meglio i suoi elettori) che, tra le altre cose, nel 2001 l’allora centrosinistra al governo approvò in fretta e furia, sul finire della legislatura, la riforma del titolo V della Costituzione, quella parte cioè che disciplina i rapporti tra Stato e Enti locali, regalando a queste ultime poteri e autonomia che mai avevano avuto. Oggi, quella riforma (allora tanto decantata da personaggi come Rutelli e Veltroni) è sotto accusa per aver spalancato le porte ad una voragine di scandali, corruzione e cattivi comportamenti soprattutto nelle regioni (i casi Fiorito, Lusi, Lombardia, con mezzo consiglio indagato). E il bello, o il brutto, è che quella riforma sarebbe dovuta servire a migliorare i servizi, rendere la pubblica amministrazione più efficiente, ridurre gli sprechi ecc.

Non solo non è avvenuto nulla di tutto ciò, ma la beffa oltre il danno, le tasse “federali”, cioè quelle comunali, provinciali e regionali, hanno in questi anni conosciuto un’impennata mai vista: la Confcommercio parla addirittura del 500 per cento. Negli ultimi dodici anni le addizionali Irpef regionali e comunali sono cresciute del 573%, ed il loro peso sui redditi è triplicato, arrivando in alcuni casi oltre il 17%. In un articolo di oggi, il Corriere della sera cita Luca Antonini, presidente della Commissione sul federalismo fiscale e oggi alla guida del Dipartimento delle Riforme di Palazzo Chigi, con il ministro Gaetano Quagliariello: «Cresce la spesa statale e cresce la spesa locale, crescono le tasse nazionali (+95% in 20 anni secondo Confcommercio, ndr ) e crescono quelle locali (+500%). Così non può funzionare. Non c’è una regia, manca completamente il ruolo di coordinamento dello Stato».

Naturalmente a farne le spese sono i soliti noti, i cittadini. Perché nella incertezza normativa e nel caos e dovendo far quadrare i conti, ai comuni specialmente non resta che spingere al massimo le imposizioni fiscali tutte le volte che gli si dà l’occasione: nel primo anno di vita della nuova Imu, il 25% dei Comuni ha aumentato l’aliquota di base (per un totale di 3,8 miliardi di maggiore incasso) E quest’anno lo ha già fatto un altro 17 per cento, mentre a Roma ancora discutono se levarla tutta, levarne una parte, rimodularla e via cantando. Tra il 2011 ed il 2013, snocciola il Corriere, «l’80% delle Province ha provveduto ad elevare al livello massimo, il 16%, l’imposta sulle assicurazioni. Secondo uno studio della Uil, poi, dopo l’impennata degli anni scorsi è molto probabile per il 2014 un nuovo incremento delle addizionali Irpef regionali: quasi 5 miliardi in più, altri 140 euro l’anno da pagare per ogni contribuente. Tra il 2000 ed il 2012 il gettito delle addizionali regionali è passato da 2,5 a 10,6 miliardi, quello delle sovrattasse comunali da 500 milioni a 4 miliardi, l’Ici/Imu da 8,4 a 22,6 miliardi, l’Irap da 27 a 33 miliardi. Senza contare le tariffe dei servizi pubblici come la raccolta rifiuti, gli asili nido, il trasporto locale».

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Tag Cloud