Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Sanità e spending review

Postato il 24 Gennaio 2013 | in Italia, Scenari Politico-Sociali | da

In allegato un documento di Domenico Moro sul sistema sanitario

http://www.cobasconfederazionepisa.it/wp-content/uploads/2013/01/Sistema-sanitario.pdf

Sulla sanità bisogna focalizzare questi punti su sanità e spending review

A) Il pareggio di bilancio (equiparazione di entrate e uscite della PA) in Costituzione impone il taglio delle spese,visto che la pressione fiscale è già molto alta.

B) In realtà, la situazione è molto più grave perché la Commissione Europea ha stabilito che entro venti anni il debito pubblico degli stati deve ridursi al 60% del Pil. Monti nella sua Agenda pone l’obiettivo della riduzione ogni anno di un ventesimo del Pil. Ciò vuol dire dimezzare l’attuale debito che è al 126% sul Pil e in valori assoluti a 2.014 miliardi di euro. Dunque, se si vuole ridurre di 1.000 miliardi il debito, bisogna realizzare saldi di bilancio di almeno 100 miliardi all’anno. Vale a dire circa il 6,5% del Pil. Consideriamo che quest’anno abbiamo raggiunto, con una politica di lacrime e sangue, appena il 2,6% di saldo primario (al netto degli interessi).

C) Si tratta praticamente una cosa assurda, anche perché il Pil nei prossimi dieci anni non si prevede che cresca a livelli tali da contribuire a riassorbire il debito in percentuale. In sostanza ci sarebbe bisogno, per facilitare le cose, di una crescita media del 3%-4% annuo almeno, un obiettivo evidentemente fuori dalla portata dell’Italia e dell’Eurozona. Senza contare che i tassi d’interesse sul debito potrebbero impennarsi ancora.

D) L’unico modo che i governi, ispirati dal capitale finanziario europeo, hanno per avvicinarsi all’obiettivo annuale sta nella drastica riduzione della spesa della PA, mediante lo strumento della spending review. Ovviamente bisognerà partire dalle voci più importanti. Queste sono nell’ordine: la protezione sociale (assistenza e soprattutto pensioni, che valgono 245 miliardi), 318 miliardi, la sanità 117 miliardi, la scuola 68 miliardi (Istat, Conti dello Stato).

E) Quindi, la sanità è la principale candidata ai tagli, visto anche quello che è accaduto con la spending review quest’anno. Ma l’attacco che la Fornero ha indirizzato contro la protezione sociale, mediante la controriforma delle pensioni, non si fermerà, e si baserà sull’entrata in vigore dell’agganciamento automatico dell’età pensionabile all’aumento dell’aspettativa di vita, e potendo contare sulla già decisa sostituzione delle indennità di mobilità con l’Aspi. Anche l’istruzione verrà colpita.

F) La spending review ha comportato un taglio alla sanità di 600 milioni per il 2013 (500 in beni e servizi non sanitari e 100 in dispositivi medici), e un miliardo per il 2014 e per il 2015, di cui il taglio per i dispositivi medici ammonta a 500 milioni annui.

G) La sanità viene colpita anche attraverso la continua riduzione dell’Irap. Da questa imposta, in realtà la parte del salario destinata ai contributi sanitari, lo stato ricava il 40% del finanziamento della sanità. Nel 2007 ammontava a 39,4 miliardi in euro correnti nel 2011 a 33 miliardi (Istat, Conti dello Stato). Il governo Monti ha previsto una ulteriore riduzione. L’importo deducibile per un lavoratore dipendente sale da 4.600 a 7.500 euro e per un lavoratore donna o giovane fino a 35 anni da 10.600 a 13.500. Nel Mezzogiorno l’importo è ancora più alto: da 9.200 a 15.000 e per giovani e donne da 15.200 a 21.000.

H) Infine va considerato l’aumento dei costi a carico dello stato per sostenere la sanità privata cui si esternalizzano sempre di più prestazioni e ricoveri. La spesa pubblica (prestazioni di protezione sociale) rivolta a produttori market (privati) ammonta nel 2011 a 40,6 miliardi, di cui 9,8 a cliniche private. Quella rivolta a produttori non market (pubblici) 63,5 miliardi, di cui 49,8 agli ospedali. Rispetto al 2010 la spesa per l’assistenza in case di cura private aumenta di 348 milioni, quella in ospedali pubblici di soli 48 milioni.

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Giovedì 6 maggio 2021 ore 10 manifestazione a Firenze in via Mannelli

Giovedì dalle ore 17:00 alle 19:00 assemblea No-INVALSI

Tag Cloud