Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

NO TAV e salviamo la Apuane

Postato il 24 Febbraio 2014 | in Italia, Scenari Politico-Sociali | da

NO-TAV TORINO LIONE – PERCHE’?

RAGIONE NUMERO UNO

20 MILIARDI DI EURO BUTTATI AL VENTO, ANZI NO, INCANALATI IN TASCHE RIGONFIE
L’ATTUALE LINEA FERROVIARIA TORINO-MODANE È UTILIZZATA SOLO AL 25% DELLA SUA CAPACITÀ E DA ALCUNI ANNI LE MERCI CHE TRANSITANO SONO IN CALO
LE NAVETTE PER I TIR PARTONO OGNI GIORNO DESOLATAMENTE VUOTE!!!!
IL COLLEGAMENTO FERROVIARIO DIRETTO TORINO-LIONE È STATO SOPPRESSO PER MANCANZA DI PASSEGGERI !!!!
IL TRAFFICO MERCI E’ SCESO DEL 9% NELL’ULTIMO ANNO

La Torino-Lione, per la sola parte italiana, aveva un preventivo iniziale di 2,5 miliardi poi gonfiato a 8 miliardi nel 2010. Alla fine saranno almeno venti miliardi, che potrebbero anche raddoppiare se si applicherà lo stesso moltiplicatore dei costi che c’è stato nelle altre zone. L’opera passerà solo per il 30% in territorio italiano, ma noi pagheremo il 57% dei costi…

RAGIONE NUMERO DUE

IL COSTO, OGGI STIMATO IN 20 MILIARDI DI EURO, È TUTTO A CARICO DELLA COLLETTIVITÀ. TUTTO DENARO PUBBLICO, MA AFFIDATO A PRIVATI. NESSUN PRIVATO CI METTERÀ UN EURO
I TANTISSIMI SOLDI CHE SERVONO A QUEST’OPERA VERRANNO TOLTI ALLE LINEE FERROVIARIE ESISTENTI (GIÀ DISASTRATE), A OSPEDALI, SCUOLE, E A TUTTI I SERVIZI DI PUBBLICA UTILITÀ
È GIÀ PREVISTO CHE LA NUOVA LINEA FERROVIARIA TORINO-LIONE AVRÀ ALTISSIMI COSTI DI GESTIONE E CHE SARÀ IN PERDITA PER DECINE E DECINE DI ANNI.

RAGIONE NUMERO TRE

IL TRACCIATO PREVEDE UNA GALLERIA DI 23 KM ALL’INTERNO DEL MUSINÈ, MONTAGNA MOLTO AMIANTIFERA. LA TALPA CHE PERFORERÀ LA ROCCIA IMMETTERÀ NELL’ARIA UN BEL PO’ DI FIBRE DI AMIANTO INVISIBILI E LETALI. IL VENTO LE PORTERÀ DAPPERTUTTO. IL FOEHN LE PORTERÀ FIN NEL CENTRO DI TORINO. RESPIRARE FIBRE DI AMIANTO PROVOCA UN TUMORE DEI POLMONI (MESOTELIOMA PLEURICO) CHE NON LASCIA SCAMPO. L’AMIANTO È UN MATERIALE FUORI LEGGE DAL 1977. SCAVARE GALLERIE IN UN POSTO COSÌ È ILLEGALE E CRIMINALE.
IL TUNNEL DI 53 KM INCONTRERÀ (OLTRE A FALDE E SORGENTI CHE ANDRANNO DISTRUTTE) ANCHE ROCCIA CONTENENTE URANIO.

Una linea in galleria si porta appresso tante gallerie minori di servizio, trasversali a quella principale. ce ne saranno 12 con altrettanti cantieri, tutti a ridosso di centri abitati. sarà un inferno di rumore, polvere, camion avanti e indietro per le strette vie dei paesi, di giorno e di notte, per 15 anni almeno.

La perforazione di tratti montani così lunghi vicino a centri densamente abitati potrà prosciugare le falde idriche e gli acquedotti, come accaduto per le gallerie tav del mugello, oggetto di processi per disastro ambientale.

RAGIONE NUMERO QUATTRO

LA FRANCIA HA RINVIATO I LAVORI SUL TRATTO FRANCESE AL 2030 !!! Perché?

Ci fermiamo qui ma potremmo aggiungere molte altre ragioni, specie investigando a quali imprese sono state affidate le prime opere.

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

26 marzo 2021

sciopero Cobas Scuola

presidio a Pisa

piazza XX settembre ore 10:00

Tag Cloud