Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Newsletter n. 4 dell’Osservatorio sulla Repressione

Postato il 30 Gennaio 2014 | in Italia, Scenari Politico-Sociali | da
Newsletter n.04/2014
OSSERVATORIO sulla REPRESSIONE
Associazione di promozione sociale
Seguici anche su Facebook ( gruppo) (pagina) e twitter
SOSTENETECI…. L’OSSERVATORIO REPRESSIONE RISCHIA LA CHIUSURA!!!!
il poco diventa molto, la debolezza si trasforma in forza, un vantaggio si moltiplica per dieci”.  Il nostro è un accorato appello a sotenerci. Abbiamo bisogno di un piccolo ma necessario contributo da parte di tutti voi. Le nostre attività hanno bisogno di un sostegno economico altrimenti dobbiamo necessariamente ridimensionare il nostro lavoro.
In questi ultimi mesi abbiamo cercato di potenziare il nostro lavoro anche con un nuovo sito (www.osservatoriorepressione.info)
Non chiediamo la luna…  cerchiamo 1000 X 5. Non è un errore: 1000 persone disposte a versare 5 europer aiutarci a sostenere le nostre attività.

Come richiestoci abbiamo introdotto il sistema Paypal per facilitare le sottoscrizione online. Adesso se volete… potete farlo e diversi sostenitori hanno cominciato a farlo (troverete un apposito bottone per le donazioni sul sito e anche qui sotto)

Inoltre si può sottoscrivere anche tramite:

Questo è il numero della Postepay dell’Osservatorio: 4023 6006 0447 6053
  • Il versamento può essere effettuato presso tutti gli uffici postali oppure on line da parte di chi è possessore di una carta “poste pay”
  • Può essere effettuato anche presso le tabaccherie, in questo caso al numero bisogna aggiungere il seguente codice fiscale: DCRNRT70A44L113D
  • tramite bonifico bancario il numero di conto corrente intestatato all’Osservatorio sulla Repressione presso Banca Etica è:
    C/C: 000000149425        IBAN: IT29B0501803200000000149425

Un caloroso GRAZIE va a coloro che finora hanno sottoscritto
News dal 20 al 27 gennaio 2014

Bologna: polizia aggredisce il picchetto dei lavoratori della Granarolo
Dopo 6h ore di blocco totale (dove tra il parcheggio interno dei magazzini e la strada si potevano contare circa 80 camion, camioncini e cisterne latte) i carabinieri e la celere (non senza aver provocato durante il pomeriggio) hanno attaccato il picchetto.

Manganellate e fermi ai cancelli della Granarolo
Continua la lotta dei facchini della Granarolo di Bologna dopo che ieri un picchetto a sorpresa dal presidio permanente ha fatto riprendere le iniziative di blocco che vanno avanti da svariati mesi. Quest’oggi quindi un altro blocco che vede protagonisti i facchini della Granarolo che reclamano dignità per le proprie condizioni lavorative e il reintegro di tutti i lavoratori. Mentre il blocco era in atto ai cancelli e che di fatto impediva il passaggio in entrata ai numerosi camion merci che tentavano di entrare la polizia e i carabinieri in tenuta antisommossa supportati da due camionette piene di celerini non hanno tardato ad arrivare nel luogo e ad aggredire il presidio dei facchini.

Granarolo: Dopo le cariche gli arresti…..
Dopo i gravissimi episodi di repressione di questi giorni con le violente cariche della polizia nei confronti dei facchini della Granarolo, dobbiamo fare i conti anche con l’arresto di due facchini.

Acerra: Violente cariche della polizia contro i disoccupati
Violente cariche della polizia ad Acerra, contro i comitati di disoccupati che hanno occupato il palazzo comunale.  Fermi e feriti tra i disoccupati

No Tav. Bloccati i colloqui per Chiara, Claudio, Niccolò e Mattia
un compagno e un familiare di Chiara, recatisi alle Vallette per i colloqui che svolgono regolarmente da ormai più di un mese, si son visti negare dai secondini la possibilità di incontrarla. “C’è un nuovo provvedimento del Tribunale che blocca i colloqui”, hanno spiegato le guardie.

Modena: Quando la magistratura sostituisce la politica
In attesa delle prime risposte alla richiesta di annullamento delle restrizioni ai 6 tra studenti compagni del Guernica pubblichiamo questo nuovo articolo interessante per capire le dinamiche modenesi di repressione che poi vediamo quotidianamente nel resto del paese.

Caro abbonato, risulta che stai partecipando agli scontri
Pubblichiamo di seguito l’articolo di Carola Frediani che analizza e cita alcuni casi eclatanti di controllo da parte dello stato sui telefonini, a volte inviando un sms come è avvenuto di recente.  In Italia buona parte delle indagini contro i militanti dei movimenti (ma vale anche per altri “attenzionati” dalle polizie) nascono e si basano sull’uso di intercettazioni telefoniche, dati gps, mail e intercettazioni ambientali. Se i casi sotto citati sono avvenuti tutti all’estero e alcuni hanno un sapore intimidatorio, in Italia è prassi anche senza avvertire via sms…

Io, Chucky Vecchiolla vittima di repressione

la lettera di Chucky Vecchiolla, imputato per i fatti del 15 ottobre 2011 a RomaOmicidio Uva: maltratta il testimone, denunciato il pm
Giuseppe Uva l’operaio di Varese morto in ospedale dopo essere stato trattenuto e picchiato per ore in caserma. A più di cinque anni di distanza il magistrato sente l’unico testimone-  Per Luigi Manconi,  presidente dell’associazione ‘A buon diritto’ lo accusa: “Ha avuto un atteggiamento intimidatorio”. E proprio oggi il Csm processa Abate, il pm che non indagherebbe chi arrestò Uva ma se la prende con l’avvvocato della vittima

Aldrovandi, la mancanza colposa dell’onore

Scrive il papà di Federico Aldrovandi: sia ben chiaro che quattro persone con una divisa hanno ucciso senza una ragione un ragazzino di 18 anniAnziano ruba pasta per fame denunciato per 56 centesimi

E’ accaduto a Vittoria. Un cliente si era offerto di pagare la pasta trafugata dal settantenne ma il responsabile del discount è stato irremovibile e ha avvertitole forze dell’ordine

La vera casta che nessuno tocca Si chiama magistratura italiana

Siamo in un periodo di forte crisi economica, la rabbia cittadina si indirizza verso i privilegi della casta politica. Fiumi di articoli indignati, inchieste sullo sperpero pubblico da parte dei deputati, senatori, consiglieri regionali e comunali.Pisa: La Polizia Municipale istituisce la camera di sicurezza nella nuova caserma
Vigili urbani come ps e cc. Il Comune di Pisa annuncia che verrà realizzata una camera di sicurezza per le persone arrestate in flagranza di reatoCarceri: Alberico Di Noia “suicida” al carcere di Lucera perchè ha visto???
Alberico Di Noia è stato trovato cadavere il 15 gennaio. La famiglia è certa che non si sia suicidato. Un altro detenuto del carcere di Lucera era stato massacrato quasi a morte dai secondini.

Italia, OPG o REMS? La minestra è sempre quella

Dalla chiusura degli OPG (ospedale psichiatrico giudiziario) all’apertura dei Rems (residenze per l’esecuzione della misura di sicurezza sanitaria), sia che permangano le vecchie strutture o che vengano istituite quelle nuove nulla cambia.
   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Tag Cloud