Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Misericordia: cronaca di un disastro annunciato

Postato il 25 Luglio 2013 | in Lavoro Privato, Lavoro Pubblico, Sindacato | da

Il 30 giugno sono scaduti i contratti di solidarietà in Misericordia e pochi giorni fa sono partite le procedure per la mobilità (licenziamenti) di 39 dipendenti.

I contratti di solidarietà, sottoscritti da sindacati e Misericordia per riorganizzare i servizi e nel frattempo contenere la perdita di salario dovuta alla riduzione dell’orario di lavoro, sono stati utilizzati, invece, per creare divisioni tra i lavoratori, per dismettere i servizi essenziali per la cittadinanza (trasporto sociale e sanitario, visite specialistiche, visite “fiscali”, terapie “salvavita”, ecc.) e per mandare a casa due terzi dei lavoratori\trici.

E i contratti di solidarietà sono stati mal gestiti anche dal punto di vista amministrativo, non rispettando modalità e tempi delle procedure, col risultato di privare il personale di una quota rilevante della retribuzione.

La Misericordia ha così dimostrato un totale disinteresse ai servizi e ai diritti dei dipendenti, basti ricordare che i centralinisti sono stati precettati durante gli scioperi ma non utilizzati per intere settimane perdendo così servizi e introiti.

Il colmo, poi, è venuto manifestandosi nelle ultime settimane, col rifiuto irresponsabile della Misericordia a prendere in considerazione (verificandone la concreta fattibilità) la proposta di acquisto della sua sede e di subentro nelle sue attività dismesse con la garanzia della conservazione dei posti di lavoro cosiddetti in esubero.

Irresponsabile è stato il comportamento dell’intero Magistrato (o Consiglio di Amministrazione) e della Curia (che nomina alcuni membri del Magistrato), perché in questo anno si è pensato solo a cancellare posti di lavoro e servizi.

Addirittura si è approfittato dell’ inchiesta della Procura per avviare le procedure di licenziamento con decisioni assunte da illustri membri del Magistrato, illustri per le cariche professionali che ricoprono e per i lauti stipendi che ne derivano.

In questi mesi, attorno a Misericordia, si sono accesi interessi di gruppi imprenditoriali. L’arcivescovo Benotto, a capo della curia Pisana, anche se nella unica uscita pubblica si era appellato agli enti locali per salvare i posti di lavoro, oggi tace davanti ai licenziamenti conseguenti al rifiuto dei vertici di Misericordia di prendere in esame le proposte per una positiva risoluzione della vertenza.

C’è da dire poi che dalle numerose residenze di anziani e cooperative che gravitano nel mondo cattolico ad oggi non è pervenuta alcuna offerta di lavoro.

I Cobas tornano a rivendicare

  1. ammortizzatori sociali per tutti i dipendenti della Misericordia;
  2. attivazione di un tavolo con tutti i soggetti, pubblici e privati, disponibili alla salvaguardia dei servizi e dell’occupazione;
  3. ritiro delle procedure di mobilità per 39 dipendenti;
  4. che Società della Salute, istituzioni locali, Usl e Azienda ospedaliera inseriscano delle clausole nelle convenzioni sul trasporto sociale e sanitario, affinché le associazioni che erediteranno i servizi dismessi della Misericordia ne debbano anche assumere il personale. In assenza di queste condizioni scritte gli enti pubblici si renderanno responsabili della perdita di posti di lavoro. Ricordiamo che queste clausole erano presenti in alcune delle precedenti convenzioni, ma sono state attenuate nelle nuove.

 Confederazione Cobas

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

26 marzo 2021

sciopero Cobas Scuola

presidio a Pisa

piazza XX settembre ore 10:00

Tag Cloud