Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

L’intervento militare in Siria: la strategia del caos

Postato il 31 Agosto 2013 | in Mondo, Scenari Politico-Sociali | da

L’intervento militare in Siria: la strategia del caos

Fonte: Investig’Action – michelcollon.info

Traduzione a cura dei Cobas

Cronaca di un intervento annunciato

La strategia sviluppata per intervenire in Siria era già una nota e prevedibile realtà. Fin dall’aprile 2012, un alto consigliere di Tony Blair aveva già notato la ricetta di un tale intervento. Era importante che l’esercito o il governo superassero un limite che è intollerabile per l’opinione pubblica straniera. Quattro mesi dopo, nell’agosto 2012, Obama indicato quale sarebbe questo limite: l’uso di armi chimiche o biologiche. http://www.dewereldmorgen.be/artike... http://Edition.CNN.com/2012/08/20/w…

(il limite) è stato messo in discussione con la regolarità di un metronomo, ma non non è mai concretizzato. Washington a metà giugno ha dichiarato per la prima volta ai avere le prove dell’uso di armi chimiche da parte dell’esercito siriano. Sulla base di questa presunta prove è arrivato il più importante supporto militare promesso ai ribelli. http://www.theguardian.com/World/20…

Oggi non c’è prova e ci sono molti dubbi che l’esercito siriano abbia effettuato un attacco chimico. A questo proposito, Stratford, un gruppo di riflessione e informazioni private strette dell’amministrazione americana, ha detto: “Assad è un uomo spietato. Egli non avrebbe esitato a usare armi chimiche, qualora fosse necessario. Ma è anche un uomo molto razionale. Potrebbe utilizzare armi chimiche solo se fosse l’unica opzione che gli resta a disposizione. Al momento è difficile vedere che situazione avrebbe spinto Assad a utilizzare armi chimiche e rischiare il peggio. Gli avversari sono solo spietati e possiamo immaginare che usano armi chimiche per costringere gli Stati Uniti a intervenire e a rovesciare Assad. (…) È possibile che il numero delle vittime sia molto più basso di quello che ha affermato. È possibile che alcune immagini sono stati manomessi. Tutto questo è possibile, ma semplicemente non sappiamo qual è la verità.” http://www.STRATFOR.com/Weekly/Obam…

Ovviamente, gli Stati Uniti porteranno ancora ‘prove’. Ma poiché le “solide prove” delle armi di distruzione di massa in Iraq di Saddam, sappiamo quanto poca sia la credibilità della Casa Bianca in questo ambito

Le ragioni dell’intervento

La questione non è se se l’intervento armato si sta preparando, come esiste già per lungo tempo. Dall’inizio della guerra civile, gli Stati Uniti ci sono con unità speciali, come è avvenuto in Libia. Queste forze speciali portano i ribelli, fornire supporto logistico, monitorare le consegne di armi del Qatar e Arabia Saudita e forse preparare un intervento o bombardamenti su larga scala. http://articles.LATimes.com/2013/Ju… http://www.Economist.com/news/leade…

L’intervento di truppe di terra è improbabile, e se questa fosse stata un’opzione praticabile sarebbe già stata attuata da lungo tempo. Il Pentagono sa che l’esercito siriano è un avversario forte e che un nuovo fallimento dopo l’Afghanistan e l’Iraq sembra inconcepibile. http://www.STRATFOR.com/Analysis/sy…

Sembra piuttosto profilarsi un attacco missilistico, presumibilmente per punire l’esercito siriano per avere usato armi chimiche al fine di evitare il ripetersi in futuro. Un altro obiettivo sarebbe quello di distruggere l’arsenale di armi chimiche. http://www.STRATFOR.com/Analysis/US…

Tutto questo sembra poco convincente. La formulazione di questi obiettivi dovrebbe servire a placare l’opinione pubblica e a legittimare un ingresso militare. Le vere ragioni per l’operazione militare, dovrebbe piuttosto cercarli negli ultimi sviluppi nella guerra civile. Due cose sono importanti: in primo luogo il nuovo rapporto di forze tra l’esercito e i ribelli e l’altra mano l’evoluzione del rapporto di forze all’interno della milizia.

Cominciamo con il secondo punto. I jihadisti hanno gradualmente preso piede all’interno della milizia. Le milizie più ‘operative’ sono ora collegate ad Al-Qaeda. Se Assad sarà estromesso dal potere, forte sarà la probabilità di cadere nelle mani di un regime islamista ultra-radicale di Siria. È un’opzione esclusa dagli S.U.A. e dal vicino israeliano più. Questo significa che per Washington, Assad è attualmente il male minore e la sua liquidazione, nelle attuali circostanze, non è voluta. Ma questo non significa che vogliono lasciare Assad, anzi…..http://www.dewereldmorgen.be/artike…

Ciò ci porta alla seconda riflessione Con il sostegno dell’Iran e Hezbollah, l’esercito siriano ha ripreso sufficiente terreno rispetto alle milizie negli ultimi mesi. Questa progressione non è completa ma sembra che l’esercito siriano abbia avuto successo. Ecco perché Obama ha iniziato a parlare di armi chimiche, appena all’inizio di giugno, congiuntamente con la promessa di fornire più pesanti armi e molti più milizie.

È improbabile che Assad possa assestare un colpo decisivo contro la milizia prontamente, ma è comunque rafforzato la sua posizione e la tendenza sembra continuare. Nei colloqui di pace finale, Assad potrebbe alterare il bilancio a suo favore. Ciò che non è di gradimento degli Stati Uniti. Essi possono tollerare Assad come il male minore, ma certamente non come il più forte. Anche i bombardamenti non sono intesi per schiacciare l’esercito siriano ma per indebolirlo sufficientemente.

Il fallimento delle guerre in Iraq e in Afghanistan dimostra chiaramente che gli Stati Uniti ora sono più in grado di plasmare il Medio Oriente a loro discrezione. …….”se noi non possiamo controllare noi stessi, quindi, non si può. Questo è ciò che possiamo descrivere la strategia del caos. http://www.michelcollon.info/spip.p…

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

26 marzo 2021

sciopero Cobas Scuola

presidio a Pisa

piazza XX settembre ore 10:00

Tag Cloud