Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

L’insostenibile peso dell’“insicurezza” sul lavoro

Postato il 9 Aprile 2016 | in Sicurezza sul lavoro | da

Osservatorio-Vega-EngineeringOgni anno nel mondo si contano 2,3 milioni di vittime sul lavoro: 350 mila gli infortuni mortali e 2 milioni sono coloro che muoiono per una malattia connessa al lavoro. A questo, poi, si aggiungono oltre 313 milioni di infortuni sul lavoro non mortali e si stimano in 160 milioni le persone che vivono una condizione di malattia – anche se non mortale – dovuta al lavoro.

Queste le più recenti stime dell’ILO (Organizzazione Internazionale del Lavoro) – pubblicate nel 2013 – che disegnano la mappatura mondiale delle condizioni di “insicurezza nei luoghi di lavoro”.

Uno scenario a dir poco drammatico per l’inestimabile perdita di vite umane e per l’indicibile sofferenza delle famiglie delle vittime, a cui si accompagna anche un altro sconcertante bilancio: quello dell’impatto economico provocato da infortuni e malattie sul lavoro.

Sempre secondo i dati ILO, infatti, le ore di lavoro perse insieme al risarcimento dei lavoratori, all’interruzione della produzione e alle spese mediche, ammontano al 4 per cento del PIL globale (circa 2.800 miliardi di dollari). E in Italia si arriva ad un impatto pari al 3 per cento del PIL nazionale per infortuni e malattie professionali.

Leggi tutto il comunicato nel documento in allegato:

Comunicato-Vittime-sul-Lavoro-Sicurezza

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Giovedì 6 maggio 2021 ore 10 manifestazione a Firenze in via Mannelli

Giovedì dalle ore 17:00 alle 19:00 assemblea No-INVALSI

Tag Cloud