Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

La “pessima scuola” del mercato privato

Postato il 6 Giugno 2015 | in Italia, Scenari Politico-Sociali | da

pessima-scuolaOvvero: come il “capitale” detta le condizioni anticostituzionali per privatizzare la scuola pubblica e immettere sul mercato il sistema dell’istruzione

Nonostante la mobilitazione straordinaria di una delle categorie meno conflittuali di lavoratori, quella degli operatori della scuola, lo “sfascia tutto” Renzi prosegue la sua opera di attacco ad uno dei pilastri costituzionali della democrazia: il sistema di istruzione pubblico nazionale per tutti/e.
Il diritto allo studio (Scuola) è un aspetto fondamentale, assieme al diritto alla salute (Sanità) e alla previdenza (Pensioni), di uno Stato realmente democratico (per quanto questo possa attuarsi in un regime sostanzialmente borghese-capitalistico).
Il ricatto di Renzi-Giannini sta nel voler imporre il Disegno di Legge “La Buona Scuola” come merce di scambio per le stabilizzazioni dei precari (e solo una parte di quelli indicati dalla sentenza della Corte Europea, e a cui era stata promessa la stabilizzazione). In questo modo il Governo cerca di comprarsi la fiducia del mondo della scuola, mentre gerarchizza e riduce in servitù decine di migliaia di lavoratori della scuola.

Leggi tutto il documento in allegato:

LA PESSIMA SCUOLA DEL MERCATO

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Tag Cloud