Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

La lotta per la casa non si arresta: Paolo e Luca Liberi Subito

Postato il 23 Maggio 2014 | in Italia, Scenari Politico-Sociali | da

Il reiterato arresto di Paolo Di Vetta e Luca Fagiano del ” movimento per il diritto all’abitare”, è un gravissimo atto di distorsione della funzione inquirente, utilizzata a fini esclusivamente politici. Ad una settimana dal voto europeo il sequestro di Paolo e Luca risponde alle esigenze elettorali del governo Renzi-Alfano, che tenta di mantenersi a galla attraverso il pluri sbandierato neo pacchetto securitario contro ” violenti,diversi e ultras”.

Quando l’economia va male( il PIL è tutt’ora sotto zero) e la disoccupazione reale è sopra il 20%( 7 milioni di poveri) , anche gli 80 euro elettorali non bastano più, così che vanno pescati anche voti ultramoderati , attirati con straordinarie misure liberticide.

Il “pacchetto Roma sicura”, comporta una serie di divieti alla ” libertà di movimento” in netto contrasto con la Costituzione. L’ennesimo ” protocolo di regolamentazione dei cortei”, è stato sottoscritto in Prefettura da sindacati e forze politiche goverrnativi : proprio da coloro che sono tra i maggiori responsabili del tracollo del Bel Paese.

Per i Cobas e il sindacalismo di base, per i movimenti dei beni comuni, del diritto all’abitare e degli studenti , quel protocollo-come per quelli che lo hanno preceduto-non va rispettato!

Va rigettato in quanto illegale ed anticostituzionale !!

Proprio questo stava dicendo Paolo quando è stato arrestato,durante la conferenza stampa a Montecitorio, susseguente l’ulteriore voto di fiducia sull’inadempiente e forcaiolo “decreto casa”, predisposto dal governo Renzi-Lupi.

Un arresto plateale, in diretta TV davanti al popolo della casa, che mentre contestava l’odiosa legge – che penalizza i senza casa che occupano, punendoli con : rifiuto di allaccio utenze; esclusione da graduatorie case popolari; revoca residenza(perdita diritto sanità,scuola,asilo nido,….) – si stringeva intorno a Paolo e la Luca , colpito in serata dallo stesso provvedimento.

Agli inqurenti , già non era andata giù la decisione del Tribunale della Libertà che a marzo aveva rimesso in libertà (con firma) Paolo e Luca , figuriamoci continuare vederli agitare la soluzione dell’emergenza abitativa ! In una Roma in default amministrativo, per le montagne di debiti, sperperi, corruzione e clientelismo , poco o nulla perseguiti dagli inquirenti.

Detto e fatto ! Gli inquirenti hanno spiccato nuovi mandati di arresto per tutte le iniziative sulla casa ” da aprile al 14 maggio” , con l’intenzione di tenerli lontano dalle lotte per lungo tempo, a meno di sconfessione dei mandati da parte del Tribunale della Libertà , e sopratutto della tenuta del movimento per il diritto all’abitare .

Paolo e Luca sono ” fratelli a noi” ! Contribuiscono , insieme a centinaia di attivisti sociali, ad alleviare le sofferenze dei senza tetto soddisfacendo il diritto all’abitare , ” ineludibile e universale” per chi come noi si batte per il rispetto dei diritti umani , per l’emancipazione e il benessere sociale.

” Paolo e Luca liberi subito – LIBERI TUTTI ” : a questo grido fatto preoprio da tutte le realtà conflittuali contribuisce la Confederazione Cobas , non separato dalla stringente necessità di fornire risposte adeguate all’emergenza abitativa,reddituale,ambientale.

Roma 21 maggio 2014
Confederazione Cobas

Il piano casa diventa legge e chi si oppone finisce ai domiciliari!

Mentre un’aula semi-vuota approva il vergognoso piano casa, in una piazza assai più piena la Digos mette in scena quella che è difficile non considerare una provocazione: l’arresto di Paolo di Vetta al termine della conferenza stampa indetta dai movimenti del diritto all’abitare, seguito a breve da quello di Luca Fagiano.

Da una parte un Governo che fa diventare legge la violazione di diritti fondamentali, come l’accesso all’acqua e alla salute, attraverso la negazione degli allacci di gas, acqua e luce alle famiglie che si trovano in stabili occupati; dall’altra una rete di movimenti che quei diritti intende difenderli, che prova a costruire percorsi e risposte comuni, come ha dimostrato il partecipato corteo di sabato 17 Maggio in difesa dei beni comuni e contro tutte le privatizzazioni.

In mezzo gli strumenti repressivi di sempre: chiusura degli spazi in una città sempre più blindata, denunce e arresti che quasi sempre si rivelano non stare in piedi, ma che contribuiscono a creare un clima e a mandare un messaggio: alle “larghe intese” non conviene opporsi.

Ora più che mai è necessaria quindi una risposta comune, che non si limiti alla solidarietà a chi è colpito dai provvedimenti giudiziari, ma che intrecci azioni e proposte che già parlano una lingua comune: quella dei diritti.

Per questo, come Coordinamento Romano Acqua Pubblica continueremo ad essere in piazza per dire “no” alla disumana pratica dei distacchi, per difendere i servizi pubblici dalle privatizzazioni e i nostri territori dalle speculazioni.

Per continuare ad affermare che è giusto e possibile invertire la rotta.

Roma, 21 Maggio 2014
Coordinamento Romano Acqua Pubblica

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Tag Cloud