Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

La faccia sinistra del capitalismo italiano, il PD di Renzi

Postato il 7 Maggio 2014 | in Italia, Scenari Politico-Sociali | da

Il capitalismo è la società della disuguaglianza sociale, quando il sistema periodicamente entra in crisi, industriali e banchieri scaricano sui lavoratori i costi dei fallimenti causati dalla speculazione e dalla concorrenza spietata e senza esclusione di colpi.

Il Censis ci dice che la disuguaglianza sociale è ancora aumentata, così come è accaduto ininterrottamente dal 1990 ad oggi, anni in cui si sono succeduti governi di Centro destra e Centro sinistra, il che significa e la storia del novecento conferma, che questi governi sono solo i due lati della faccia dello stesso sistema, quello capitalista.

Renzi è il continuatore più fedele e organico delle politiche che colpiscono i poveri e arricchiscono i ricchi, la legge quadro di precarizzazione del lavoro chiamata jobs act è la più coerente manifestazione di queste politiche.

I risultati al netto dell’evasione fiscale ( tollerata e incoraggiata dalle leggi di tutti i governi), dei miliardi nascosti da industriali e banchieri nei paradisi fiscali, ci dice il CENSIS, sono questi:

I 10 uomini più ricchi d’Italia dispongono di un patrimonio di circa 75 miliardi di euro, pari a quello di quasi 500 mila famiglie operaie messe insieme.

Poco meno di 2 mila italiani ricchissimi, membri del club mondiale degli ultraricchi, dispongono di un patrimonio complessivo superiore a 169 miliardi di euro (senza contare il valore degli immobili): cioè lo 0,003% della popolazione italiana possiede una ricchezza pari a quella del 4,5% della popolazione totale.

Le distanze nella ricchezza sono cresciute nel tempo. Oggi, in piena crisi, il patrimonio di un dirigente è pari a 5,6 volte quello di un operaio, mentre era pari a circa 3 volte vent’anni fa.

Il patrimonio di un libero professionista è pari a 4,5 volte quello di un operaio (4 volte vent’anni fa).

Chi più aveva, più ha avuto.

Rispetto a dodici anni fa, i redditi familiari annui degli operai sono diminuiti, in termini reali, del 17,9%, quelli degli impiegati del 12%, mentre i redditi dei dirigenti sono aumentati dell’1,5%.

Nelle famiglie a rischio povertà la nascita di un figlio è un problema grave. Con due figli le famiglie dei lavoratori finiscono nella povertà nel 33 % dei casi. Avere figli raddoppia il rischio di finire indebitati per mutuo, affitti, bollette o altro.

La conclusione è che la classe dei padroni e dei dirigenti è sempre più ricca, mentre operai e impiegati sono sempre più sull’orlo della povertà.

La proletarizzazione del ceto medio procede a passi da gigante, basta vedere lo studio sull’andamento degli stipendi nella scuola fatto dai COBAS. “In base al confronto tra le tabelle stipendiali e il FOI (indice Istat dei prezzi per famiglie, operai e impiegati) dal 1990 al 2013 un dipendente della scuola con 20 anni di servizio ha perso mediamente il 28,5% di potere d’acquisto, corrispondenti a una perdita lorda mensile di 460 € per il collaboratore scolastico o di 650 € per un docente laureato delle superiori”.

CON IL GOVERNO DI CENTRODESTRASINISTRA di RENZI, ALFANO, FASSINA, PER GLI OPERAI E GLI IMPIEGATI, PER I CETI POVERI DEL PAESE LA SITUAZIONE NON PUO’ CHE PEGGIORARE.

Associazione Culturale CASA ROSSA

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Tag Cloud