Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Iniziativa acque CISAM presso la Limonaia il 26 ottobre

Postato il 22 Ottobre 2013 | in Eventi | da

Riceviamo e pubblichiamo

SVERSAMENTO ACQUE RADIOATTIVE da CISAM nel Canale NAVICELLI

ASSEMBLEA CITTADINA sabato 26 ottobre ore 9.30 presso SALA 1° Piano LIMONAIA – vicolo del Ruschi 4 – PISA

A seguito dell’annunciato sversamento nel canale dei Navicelli delle acque della piscina di raffreddamento dell’ex reattore nucleare del centro militare CISAM di S.Piero a Grado, i comitati pisani NonBruciamociPisa, di quartiere Porta a Mare e AcquaBeneComune, con la collaborazione di Vertenza Livorno, organizzano un’assemblea cittadina che vedrà la presenza di un esperto in materia nucleare, Giorgio Ferrari, coautore con Angelo Baracca di SCRAM, ovvero La fine del nucleare (jaca book, 2011), che ha lavorato nel settore nucleare dell’Enel dagli anni sessanta fino al 1987 e che dopo l’incidente di Chernobyl fece obiezione di coscienza chiedendo di essere adibito ad altri incarichi.

Confermerà a breve la sua partecipazione anche il Dott. Ernesto Burgio, coordinatore del comitato tecnico scientifico di ISDE Italia – medici per l’ambiente, e collaboratore stabile della Rivista Ecologist ediz.Italiana.

A fronte di tanti interventi sulla stampa il cui scopo è solo quello di “tranquillizzare” gli abitanti di Pisa e Livorno, vogliamo sentire da voci indipendenti e critiche cosa sta succedendo, e se l’operazione poteva e può essere condotta diversamente, non solo per quanto riguarda le acque della piscina, ma in relazione all’intero decommissioning del reattore.

L’iniziativa si inserisce in un percorso che i promotori intendono sviluppare per stimolare l’attenzione della cittadinanza verso fonti di nocività presenti nel nostro territorio, e che ritengono non vengano affrontate con la dovuta cautela e precauzione dalle amministrazioni locali.

Le prospettive di potenziamento degli inceneritori nell’area pisano-livornese, il rigassificatore off.shore, il previsto incremento di traffico aereo (militare e non) sul Galilei, l’aumento del traffico a porta a mare per la presenza di IKEA sono per noi criticità per il territorio anziché opportunità come vengono dipinte da chi governa la città.

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Tag Cloud