Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Importante sentenza contro l’INAIL. Riconosciuta malattia professionale a un lavoratore che ribalta i termini di prescrizione

Postato il 23 Aprile 2016 | in Sicurezza sul lavoro | da

Silvestro CapelliInviamo per conoscenza l’art. del quotidiano IL GIORNO di oggi 22 aprile sull’importante causa pilota contro l’INAIL vinta da un ex lavoratore Breda ex esposto amianto che ribalta i tempi di prescrizione e apre la strada a un po’ di giustizia per tanti lavoratori.

Per il ” Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio”

Michele Michelino

Sesto (Milano), 22 aprile 2016 – Per farsi riconoscere la malattia professionale, ha dovuto aspettare una sentenza di tribunale. Perché in tutti questi annil’Inail gliel’aveva negata. Ieri pomeriggio il tribunale di Monza, sezione Lavoro, ha condannato l’istituto. Silvestro Capelli, 73 anni tra pochi giorni, riceverà ora un’indennità e gli arretrati dal 2014. Ex tuta blu, in Breda ci è stato 17 anni. In un posto pieno di amianto, che nel 1992 lo ha fatto ammalare. Quattro anni dopo è stato operato per un tumore alla laringe e dopo due mesi di riabilitazione è tornato a parlare. Con difficoltà. Perché, della fabbrica, Silvestro conserva ancora un buco in gola. “Io sono uno dei sopravvissuti – raccontava al termine dell’annuale corteo in ricordo delle vittime, che quest’anno si terrà il 30 aprile -. Un luogo di fatica e dolore, un ambiente malsano, un posto anche di morte e malattia: ecco cosa ha rappresentato per noi”.

Leggi tutto l’articolo di Laura Lana nel documento in allegato:

SESTOCRONACA

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Tag Cloud