Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Il datore di lavoro responsabile se il carico di lavoro provoca malattie e danni

Postato il 23 Maggio 2014 | in Sicurezza sul lavoro | da

Il datore di lavoro è direttamente responsabile della distribuzione dei carichi di lavoro e del modello organizzativo.

Il datore di lavoro è responsabile penalmente quando si rende responsabile di avere scaricato sul personale mansioni particolarmente gravose, ritmi insostenibili.

Capita sovente che di lavoro, e di non lavoro , ci si ammali. Le patologie possono essere numerose, vediamone alcune

  • infarti
  • ipertensione
  • depressione
  • stress correlato al lavoro
  • stati di ansia

Una sentenza di cassazione mette in relazione queste malattie, spesso gravi e anche mortali, ai carichi di lavoro, ai compiti insostenibili scaricati sul dipendente

La sentenza n. 9945 del 08/05/2014, la sezione Lavoro della Corte di Cassazione ha riconosciuto la responsabilità del datore di lavoro e il diritto degli eredi al risarcimento dei danni patrimoniali e morali, Nel caso in cui un dipendente sia morto per infarto da superlavoro.

Ai sensi dell’art. 2087 codice civile, ricorda la Corte, il datore di lavoro è tenuto a garantire l’integrità fisica dei propri dipendenti, senza che possa assumere particolare rilievo e denotare una colpa del lavoratore la specifica condotta del dipendente in ossequio ai canoni dell’art. 2104 codice civile (diligenza del prestatore di lavoro).

Fonte: Cassazione: Datore di lavoro è responsabile della morte del dipendente per infarto da superlavoro

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Giovedì 6 maggio 2021 ore 10 manifestazione a Firenze in via Mannelli

Giovedì dalle ore 17:00 alle 19:00 assemblea No-INVALSI

Tag Cloud