Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Gli ospedali a rischio di chiusura con la spending review di Monti

Postato il 15 Dicembre 2012 | in Sanità, Sindacato | da

Gli ospedali a rischio di chiusura con la spending review di Monti.

La tutela della salute è un diritto fondamentale!

In sanità, i ticket sono aumentati di 1 euro sui medicinali, raddoppiati invece i ticket sulle visite specialistiche, introdotto il ticket di 10 euro per i referti digitali. Insomma aumenti di non poco conto che dimostrano come curarsi sia diventato un lusso calpestando quell’articolo 32 della Carta Costituzionale che sanciva (l’imperfetto è d’obbligo) la tutela della salute come diritto fondamentale e inalienabile dell’individuo e della collettività.

Nei giorni scorsi poi è scaduto “Il Patto della salute”, il mancato accordo tra Regione e Governo determinerà l’applicazione, senza mediazione alcuna, di tutte le misure di contenimento della spesa sul Sistema Sanitario Nazionale, contenimenti che sono in realtà veri e propri tagl .

Se nel grande ospedale Napoletano Carderelli si spendono € 419228,15 per consulenze esterne, nell’ Azienda Ospedaliera Pisana invece tagliano posti letto, ma allo stesso tempo vengono spesi soldi in opere inutili quali la porta girevole all’ Edificio 9 di S Chiara per una spesa di € 40.000, si comprano macchinari nuovi alla medicina nucleare anche se non necessari, quando potremmo avere gli stessi in appalto a prezzi più bassi.

All’azienda ospedaliera di Pisa si chiudono sale operatorie, reparti, wik in attesa di riorganizzazione dei posti letto, un taglio di 600 posti. Nei reparti mancano i farmaci, presidi indispensabili per l’attività sanitaria, a farne le spese sono solo i pazienti che dovrebbero essere curati e assistiti nel migliore dei modi.

Perchè accade tutto ciò? Non solo per la “Spending review” ma anche a causa di una cattiva gestione amministrativa locale, regionale e governativa della sanità e dei servizi ad essa connessi.

Invece del clientelismo “partitocratico” con primari impegnati a gestire unità operative doppioni a distanza di pochi chilometri l’una dall’altra, la Regione Toscana dovrebbe avere il coraggio di chiudere i doppioni per salvaguardare tutti i servizi sanitari assicurando quel diritto alla salute che viene calpestato e negato alla popolazione con la scusa della revisione di spesa.

Cobas Sanità Pisa

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Lunedì 11 ottobre: I COBAS, insieme a tutto il sindacalismo conflittuale, convocano lo sciopero generale.
Manifestazione regionale a Firenze ore 10 Piazza Puccini.  Bus gratuito dei Cobas.
Partenza da Pisa ore 7.30 parcheggio Pubblica Assistenza via Bargagna Cisanello
Partenza da Pontedera ore 8.00 parcheggio Cineplex ex Panorama lato Toscoromagnola
Per prenotazioni e informazioni inviare al più presto comunicazione telefonando allo 3382529966

Tag Cloud