Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Corsi per politici, utilizzo risorse pubbliche del personale, segnalazioni

Postato il 11 Febbraio 2014 | in Lavoro Pubblico, Sindacato | da

Al Commissario Prefettizio del Comune di Crespina Lorenzana
Dott. Flavio Ferdani

 

Oggetto: corsi per politici – utilizzo risorse pubbliche del personale – segnalazioni

Siamo venuti a conoscenza che nel Novembre scorso, nell’ allora Comune di Crespina, il Sindaco e il Vicesindaco hanno utilizzato risorse pubbliche del Comune per farsi finanziare due corsi Anci finalizzati esclusivamente alla loro attività politica

Sarebbe bastato consultare con umiltà i programmi di certe iniziative, per rendersi conto del contenuto delle stesse e dei destinatari ( candidati sindaci e consiglieri comunali, responsabili elettorali dei partiti e dei comitati elettorali) ai fini di comprenderne le finalità che non avevano alcuna correlazione con lo svolgimento di ruoli e funzioni istituzionali.

Se prepararsi ad organizzare una campagna elettorale per proporre/riproporre la propria candidatura, o frequentare una scuola di politica, è un diritto di tutti coloro che esercitano l’ elettorato passivo, farlo però con i “soldi pubblici” è assolutamente vietato.

Ancora una volta il problema dei “costi della politica” emerge in tutta la sua gravità, in assenza di qualsiasi principio etico da cui nasce la separazione dell’ attività politica dai ruoli istituzionali.

La spesa complessiva ( corsi, pranzi, cene, pernottamenti) , a prescindere dall’ entità e anche dall’ aggiunta di rimborsi spese e trattamenti di trasferta , è stata imputata come spesa per “ corsi di formazione-aggiornamento personale”? In tal caso la situazione sarebbe di enorme gravità!

E’ l’ ennesima dimostrazione di come certa politica, nell’ esercizio di un potere autoreferenziale, continui imperterrita a utilizzare soldi pubblici per le sue finalità, in questo caso distraendo risorse dagli specifici fondi a destinazione vincolata per la formazione e l’ aggiornamento del personale. Gli stessi politici che poi parlano di efficienza e ammodernamento della Pubblica amministrazione!!

Si tratta di fondi drasticamente ridotti negli anni e per ultimo dalla “spending review” , fondi che avrebbero trovato corretta e conforme destinazione a favore del personale anche per prepararlo ad affrontare la fase di integrazione dei servizi legata alla fusione, in funzione di eliminare disagi e disservizi per i cittadini.

Pertanto essendo il Comune di Crespina Lorenzana subentrato nei rapporti giuridici economici all’ estinto comune di Crespina, segnaliamo quanto sopra a Codesto Commissario affinchè, nell’ esercizio del suo ruolo di rappresentanza e certi della sua imparzialità istituzionale, abbia il tempo di assumere immediatamente le iniziative di competenza, investendone tutti gli organi di giurisdizione, contabili e di controllo preposti, prima che questa Confederazione ne evidenzi pubblicamente le implicazioni attinenti alla sfera politico sindacale.

La richiesta è quella di chiedere indietro i soldi ai due amministratori spendendo le somme per la formazione del personale.

Certe azioni meritano infatti di essere adeguatamente conosciute, sia negli Enti Locali del Territorio, che fra i cittadini a cui vengono negati, per i “tagli” conseguenti al fiscal compact e ai patti di stabilità, i diritti civili, sociali e del lavoro presupposto della democrazia.

Distinti Saluti.
Pisa, 11 Febbraio 2014

COBAS PUBBLICO IMPIEGO – PISA

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

26 marzo 2021

sciopero Cobas Scuola

presidio a Pisa

piazza XX settembre ore 10:00

Tag Cloud