Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Continua la lotta alla Misericordia

Postato il 27 Maggio 2013 | in Lavoro Privato, Sindacato | da

“La Misericordia non deve morire. Non si può chiudere un’istituzione che da 700 anni svolge un’attività fondamentale per i cittadini di Pisa”.

“Non siamo noi i responsabili del buco di 11 milioni di euro e non saremo noi a pagarli. Siamo decisi a lottare a oltranza, affinché li paghino i veri colpevoli. Noi abbiamo una sola ‘colpa’, quella di lavorare e di lavorare tanto. Di certo, se ci sarà qualcuno a dover essere cacciato via, saranno quelli che sfrontatamente pretendono di farci pagare il loro debito licenziandoci in una quarantina”.

Questo, il corteo del 24 maggio, partito dal CEP per percorrere gran parte della città, ha comunicato alla cittadinanza, prima di raggiungere la Prefettura, dove il Prefetto, come concordato coi Cobas, ha ricevuto una delegazione di lavoratori e lavoratrici.

Leggi il resto nel comunicato Cobas

http://www.cobasconfederazionepisa.it/wp-content/uploads/2013/05/il-24-maggio-e-dopo.pdf

 

 

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Tag Cloud