Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Comunicato degli esodati al Governo…non solo IMU

Postato il 29 Agosto 2013 | in Lavoro Privato, Lavoro Pubblico, Sindacato | da

Riceviamo e pubblichiamo

Mercoledì 28-8 il consiglio dei Ministri è convocato per deliberare sul superamento dell’Imu sulla prima casa.

I comitati degli esodati rilevano che nei primi 100 giorni questo Governo NON HA VOLUTO e SAPUTO sciogliere 5 punti dichiarati fondamentali anche dai partiti di questa “strana” maggioranza BIS.

Nella cabina di REGIA tra Governo e capigruppo di maggioranza a metà luglio è stato deciso di destinare le risorse ” recuperate ” per risolvere 5 punti ritenuti fondamentali da tutti finanziandole in parti uguali : per il superamento dell’Imu sulla prima casa nell’ambito di una revisione della tassazione sugli immobili, a individuare le coperture per evitare l’aumento dell’Iva che scatterebbe dal 1 ottobre, ad attuare provvedimenti in materia di ammortizzatori sociali , cassa in deroga da rifinanziare e questione esodati. Il tutto per definire strategie che saranno contenute nella legge di Stabilità del 2014 o in appositi decreti ».

I 5 punti :

IMU

IVA

ESODATI

Cassa in deroga

Ammortizzatori sociali .

Ora mercoledì 28-8 il governo ne consiglio dei Ministri si appresta a affrontare SOLO il nodo dell’IMU.

Limitarsi a questo risultato -nel consiglio dei Ministri di mercoledì 28-8 – significa – che ci sarà un forte rischio di andare rapidamente ad elezioni anticipate – non affrontare più la risoluzione della ingiustizia creata a 400.000 esodati – derubati e vittime da parte di un governo Monti e che da oltre 21 mesi attendono la soluzione dei drammi creati da una assurda riforma delle pensioni votata a dicembre 2011 da tutti i partiti di questa strana maggioranza .

I comitati degli esodati chiedono di affrontare insieme TUTTI i 5 punti e di rinviare a dopo il 9 settembre la risoluzione di tutti i punti e sospendere e/o rinviare il pagamento del IMU previsto per il 16 settembre .

Gli esodati ancora da salvare sono oltre i 20.000 dichiarati dal Ministro Giovannini – che – come Letta – NON riceve i comitati degli Esodati per esaminare le reali consistenze numeriche degli esodati da salvare e trovare le necessarie coperture finanziarie.

Non affrontare questo tema insieme agli altri 4 punti significa VOLER DERUBARE ANCORA GLI ESODATI. Lanciamo grida di allarme per la “tenuta sociale” di tutto il variegato popolo degli esodati.

INTANTO CONTINUANO I SUICIDI !!!!

Tutte le promesse elettorali di rimediare agli errori della riforma Fornero SONO RIMASTE PRATICAMENTE INEVASE, ANZI TRA GLI STESSI MEMBRI DEL GOVERNO e DALLO STESSO MINISTRO GIOVANNINI, STANNO USCENDO PROPOSTE ADDIRITTURA PEGGIORATIVE con ipotesi di : “penalizzazioni” ; calcolo “tutto contributivo” con solo sugli anni di effettivo lavoro ; anticipare l’applicazione dell’ASPI per cancellare da subito CIGS che molti hanno già in corso da prima della riforma Fornero.

Migliaia di mobilitati dal primo semestre 2013 – extra lotteria dei 10.000 della legge 122-2010 – attendono ancora il Decreto 5 bis per il sostegno al reddito : è immorale ed inaccettabile che un decreto rivolto al sostegno al reddito debba ancora trovare attuazione da diversi mesi a questa parte , con ciò si dimostra ancora una volta il disinteresse verso coloro che in assoluto hanno pagato di più in questa infame situazione.

NON CI STIAMO . SAPREMO PROTESTARE CON PRESIDI e AZIONI VOLTE A COMUNICARE ALLA STAMPA E ALLA OPINIONE PUBBLICA IL DRAMMA di centinaia di migliaia di ESODATI ancora da SALVARE. .

Claudio Ardizio – claudio.ardizio@libero.it 329-4206516 (COMITATO ESODATI E PRECOCI D’ITALIA)

Alessandro Costa – alessandro.costa@alice.it 335-6308273 (COMITATO DIRIGENTI ESODATI)

Emilio De Martino – d.emilio@fastwebnet.it 366-1570104 (COORDINAMENTO ESODATI ROMANI)

Maurizio Vitale – tedesco40@libero.it 328-7639173 (COMITATO MOBILITATI MILANO)

Claudio Nigro – comitato.degli.esodati.bancari@gmail.com 320-3485348 (COMITATO ESODATI BANCARI)

Enzo Cozzolini – mobilita.livorno@gmail.com (COMITATO LAVORATORI MOBILITA’ LIVORNO)

Alberto Maddeo – alberto.maddeo@fastwebnet.it (COMITATO LAVORATORI MOBILITA’ LODI)

Antonio Perna – perna.antonio@fastwebnet.it 335-6842999 (“COORDINAMENTO MOBILITATI ESODATI ” MILANO)

Marcello Luca – stluca@libero.it 338-3182418 (COMITATO FONDI DI SOLIDARIETA’ di SETTORE FERROVIERI)

Elide Alboni e Luigi – comitato.licenziati@libero.it 333 -1252113 ( COMITATO LICENZIATI )

Giovanni Zappalà – gianniza55@gmail.com 333-9519575 (COMITATO ESONERATI PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI)

Pietro Braglia ilguardianodelfaro92@libero.it 333-2944657 (COMITATO ESODATI DI REGGIO )

From: g.scialla@hotmail.it To: cronaca.reggioemilia@ilcarlino.net Subject: FW: comunicato per la stampa Date: Sat, 24 Aug 2013 18:21

Anche stamattina (sabato) il Comitato Esodati di Reggio si è recato con una delegazione a Formigine, per portare un piccolo contributo di solidarietà a tutti i lavoratori della FIREN, la fabbrica che produce resistenze elettriche, che in questi giorni è passata alla ribalta delle cronache, in quanto il proprietario, dopo aver mandato in ferie tutti i dipendenti i primi di Agosto, ha trasferito in POLONIA “nottetempo” tutte le attrezzature ed i macchinari della FIREN , per poi poter chiudere, senza “nessun preavviso alle proprie maestranze”, lo stabilimnto di Formigine..

E’ una situazione VERGOGNOSA..

Tutti i dipendenti coinvolti, da 10 giorni si sono organizzati con un presidio permanente davati ai cancellli della loro fabbrica, sperando che le istituzioni, i sindacati ed i poitici locali e lo stesso ministro Giovannini, siano in grado di trattare con la proprietà e trovare rapidamente una soluzione al dramma di queste 50 famiglie.. che si sono trovate IMPROVVISAMENTE durante le ferie, senza una fabbrica, senza un posto di lavoro e senza nessun reddito .

Il Comitato Esodati di Reggio continua a denunciare a tutte le forze politiche, la gravità della situazione che non risparmia più nessuna provincia della ns. regione.

In questa situazione drammatica del mercato del lavoro, sono state disattese, anche dall’attuale governo , le promesse fatte in campagnia elettorale quando si dichiarava che il problema esodati sarebbe stato definitivamente risolto entro i primi 100 giorni di governo.

Così non è stato e non si vedono ANCORA atti seri e concreti, finalizzati a risolvere definitivamente il problema esodati…

Non si vogliono risolvere i problemi causati dalla riforma Fornero a centinaia di migliaia di lavoratori , espulsi dalle aziende con accordi collettivi che li avrebbero dovuti accompagnare a maturare una pensione; accordi che la Fornero però si è “dimenticata” di inserire nelle deroghe alla sua legge.

Mentre chi deve decidere.. perde tempo..sulle vicende Berlusconiane, un’altro disoccupato si è suicidato proprio in questi giorni, nella ns. città

In questo scenario, unico caso in Europa, i ns politici riescono addirittura ad aumentare le truppe degli esodati, vedi i recenti provvedimenti che riguardano circa 8000 esuberi del pubblico impiego, ai quali verrà probabilmente concessa la pensione con le vecchie regole, quindi con speciali deroghe alla riforma Fornero, deroghe che molti di noi, già esodati dal 2008, 9 , 10… aspettiamo da Dicembre 2011 .. !!!

COMITATO ESODATI DI REGGIO

Pietro Braglia

Giuseppe Scialla

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Asseblea pubblica di Autonomia Differenziata

giovedì 9 Dicembre ore 21:00

presso il Circolo Pace e Lavoro di Pisa

Tag Cloud