Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Assemblea cittadina per la mobilitazione del 15 novembre

Postato il 7 Novembre 2013 | in Eventi, Scenari Politico-Sociali, Territori | da

Riceviamo e pubblichiamo

Assemblea cittadina per la mobilitazione del 15 novembre

Inizia a prendere corpo in questo Paese un’opposizione sociale alle politiche di austerità. Anche nella nostra città si moltiplicano le lotte che puntano a strappare reddito e diritti alla rendita per riscattare il proprio presente. Le mobilitazioni degli studenti, le recenti occupazioni – dallo studentato Spot alla Mattonaia – così come le mobilitazioni a Sant’Ermete per il diritto alla casa e il recupero del quartiere o il radicalizzarsi dei picchetti anti-sfratto in tutti i quartieri ci parlano di una resistenza comune. Questa parte dalla contrapposizione dei bisogni sociali contro le politiche che sul territorio e a livello nazionale si rivolgono agli interessi privati anziché al benessere collettivo. Nel nostro territorio questa resistenza è esemplificata dal nodo politico dell’utilizzo del patrimonio pubblico per finalità sociali, sottraendolo alla speculazione.

Il terreno della formazione, dalle scuole alle università, è attraversato da queste tensioni. L’emergenza abitativa evidenziata dalle graduatorie per il posto alloggio del DSU è ormai oltre qualsiasi soglia di tolleranza: gli studenti hanno risposto incalzando le istituzioni sugli immobili pubblici inutilizzati e in vendita, quali l’albergo comunale di Santa Croce in Fossabanda, e con la difesa dello studentato Spot. La crisi e le politiche di austerità si stanno traducendo in un processo di espulsione di massa da scuole e università, fra dispersione scolastica alle stelle e tagli continui al diritto allo studio. Il mondo della formazione può diventare a Pisa un ambito di ricomposizione che riconosce il significato ampio e generale della crisi e il suo impatto sull’intera società, dall’attacco al lavoro, alla compressione del welfare, alla negazione del diritto alla casa fino all’attacco ai territori. Promuoviamo, pertanto, come studenti e studentesse universitari un’assemblea cittadina il 12 novembre al Polo Carmignani alle ore 21.30, in continuità con l’assemblea d’Ateneo prevista per la mattina del 12, nell’ottica di ricomporre le diverse lotte sociali presenti sul territorio.

Questi momenti di incontro devono diventare lo spazio di organizzazione per una giornata di mobilitazione cittadina il 15 novembre contro il governo delle politiche di austerità, per rivendicare spazi di democrazia, istruzione, welfare e un diritto all’abitare reale per tutti. In questa giornata università, scuole, quartieri, spazi occupati, picchetti anti-sfratto confluiranno in una comune mobilitazione contro le politiche di austerità simboleggiate nella legge di stabilità in approvazione alle camere. Per resistere e rilanciare la mobilitazione anche a Pisa sviluppiamo in avanti le nostre lotte contro il governo delle larghe intese riconquistando reddito e ricchezza sociale.

Promuovono l’appello:

Collettivo Universitario Autonomo Pisa, Exploit, Sinistra per

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

26 marzo 2021

sciopero Cobas Scuola

presidio a Pisa

piazza XX settembre ore 10:00

Tag Cloud