Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Apologia della precarietà: i precari sono la metà della forza lavoro

Postato il 31 Agosto 2013 | in Lavoro Privato, Lavoro Pubblico, Sindacato | da

Da un recente rapporto Istat si evince che i contratti precari sono il 47% della forza lavoro totale ossia quasi la metà . Chi per anni ha raccontato la favola dei troppi lavorator con il posto fisso viene smentito dalle statistiche

Cambiano perfino le definizioni e l’Istat parla di lavori “parzialmente standard” per raccogliere le innumerevoli tipologie del lavoro precario.

Tra le cause di una economia stagnante e ben lontana dalla ripresa ci sta proprio la natura precaria della occupazione e la assenza di progetti di ricerca e di investimento pubblico a fini occupazionali, l’Italia è del resto il paese dove più è cresciuta la precarietà.

In Italia i contratti a tempo indeterminato e a pieno compenso sono dodici milioni, pari poco più del 53% degli occupati, il 4% in meno di 9 anni fa .

Se nel passato il ricorso al part time era per lo più volontario, una scelta di vita di tante donne costrette a tagliarsi ore di lavoro e salario per seguire figli, genitori anziani, oggi il part time viene imposto dalle aziende e sempre più numerosi sono in tempi di crisi gli accordi che traformano i contratti full time in part time

In questi 5 anni le partite iva sono arrivate a circa 5 milioni a dimostrare che molti contratti atipici sono rapporti di lavoro dipendente mascherati da prestazioni autonoma. Se guardiamo al settore privato si vede la partita iva come elemento “nuovo” ma nel pubblico i contratti part time sono sempre più diffusi tanto è vero che nell’immaginario collettivo si fa strada l’idea che per entrare nel mondo del lavoro si debba partire da contratti peggiori, stipendi più bassi, rapporti di lavoro a tempo parziale. Questi sono i risultati della ideoloegia dominante che tra trasformato i diritti in privilegi e le legittime istanze dei senza lavoro in assurde pretese. Per passare ad un contratto full time e a uno stipendio in linea con i pur pessimi contratti nazionali ormai ci si impiega anni, anni tra precariato, part time e una condizione di ricattabilità e di sfruttamento che non fa crescere l’economia e annienta solo i lavoratori\trici

Confederazione Cobas

per il Cobas

Federico Giusti

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Lunedì 11 ottobre: I COBAS, insieme a tutto il sindacalismo conflittuale, convocano lo sciopero generale.
Manifestazione regionale a Firenze ore 10 Piazza Puccini.  Bus gratuito dei Cobas.
Partenza da Pisa ore 7.30 parcheggio Pubblica Assistenza via Bargagna Cisanello
Partenza da Pontedera ore 8.00 parcheggio Cineplex ex Panorama lato Toscoromagnola
Per prenotazioni e informazioni inviare al più presto comunicazione telefonando allo 3382529966

Tag Cloud