Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Abitanti delle case popolari…come stanno le cose?

Postato il 30 Ottobre 2013 | in Scenari Politico-Sociali, Territori | da

Riceviamo e pubblichiamo

Da alcuni mesi è attivo lo spazio popolare di S. Ermete che ha costruito alcune iniziative finalizzate ad assicurare condizioni di vita \abitative dignitose a quanti oggi sono senza casa, con sfratti esecutivi o costretti a vivere in cantine e in abitazioni prive di utenze (acqua luce, gas)

Anche chi paga le utenze e gli affitti con regolarità non se la passa poi tanto meglio tra pensioni e lavori sempre più precari e con il potere di acquisto da fame.

Nelle ultime settimane abbiamo sollevato, con importanti mobilitazioni queste questioni, tanto la Società della Salute quanto l’Apes che di fronte alla mobilitazione di famiglie hanno accettato un tavolo d’incontro ( tavolo al quale vogliamo che partecipi anche l’assessorato comunale alle politiche abitative) per valutare le proposte finalizzate a fronteggiare l’emergenza abitativa, per assegnare con l’autorecupero le abitazioni vuote a partire da quelle che si trovano nel quartiere di Sant’Ermete.

La nostra proposta è quella di un immediato utilizzo di queste 27 abitazioni per destinarle alla emergenza abitativa, in considerazione del fatto che il complesso abitativo case popolari del quartiere di S.Ermete è destinato alla soppressione prevista dal quel progetto di costruzione di nuovi alloggi che prima di sette anni non vedrà la realizzazione della maggioranza delle abitazioni.

Lunedi’ 28 Ottobre, il Pd ha chiamato al Circolo Arci Assessore comunale alla casa, consiglieri comunali e presidente dell’Apes per parlare dello stato dei lavori nel cantiere delle nuove case. Alla stessa ora, lo spazio popolare ha indetto una riunione con i sindacati della casa per costruire insieme una proposta condivisa sull’emergenza abitativa e per affrontare tutti i problemi legati al quartiere che non si possono ridurre alla costruzione delle nuove case.

Lunedi’ cominciano le ripetizioni gratuite per i bambini e le bambine, un esempio concreto di offrire servizi e di non vendere parole a uso di qualche politico, altre iniziative sociali saranno organizzate nelle prossime settimane.

Gli abitanti delle case popolari non sono le ultime ruote del carro. Vogliamo vivere in quartieri puliti, dotati di servizi e non abbandonati al degrado e alla sporcizia. Gli abitanti di S. Ermete vogliono essere parte attiva delle decisioni, sedere ai tavoli con apes, società della salute e comune. Basta parole!

Spazio Popolare di S.Ermete

 Contatti: andrea 3297487253 riccardo 3406954255 simone 3409608652 federico3498494727
   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Tag Cloud