Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

A Roma, dopo Genova, Firenze, Pisa e Livorno prosegue la lotta per il diritto alla mobilità e il potenziamento del trasporto pubblico

Postato il 23 Dicembre 2013 | in Lavoro Pubblico, Sindacato | da

Oltre un migliaio di persone – tranvieri Atac/Trambus/Tevere tpl, sindacati di base Cobas e Usb, comitati pendolari e cittadini , studenti e centri sociali,movimento per l’abitare e reti dei beni comuni- hanno manifestato a Roma , dal Colosseo al Campidoglio, in difesa e potenziamento del trasporto pubblico locale.

Il corteo del 20 dicembre è stato solo la 1° tappa di una mobilitazione che ha già visto a Roma iniziative diffuse per il diritto alla mobilità a costo sociale , e che vedrà la prossima tappa nella annunciata manifestazione nazionale a Roma del prossimo 20 gennaio.

La protesta del 20/12 è stata anche la risposta immediata al tentativo del governo Letta – attraverso la famigerata sen. Lanzillotta, già madrina di Acea spa quando era assessora a Roma nella giunta Rutelli – di disporre la privatizzazione del trasporto pubblico locale e della gestione dei rifiuti, nonché della vendita del patrimonio immobiliare, quale scambio-ricatto al sostegno statale del buco di bilancio del Comune di Roma, quantificato in 500 milioni. Il famelico “ emendamento Lanzillotta”, approvato in Commissione al Senato, prevedeva anche la vendita di Acea e il licenziamento di alcune migliaia di lavoratori delle varie società partecipate dal Comune di Roma; il successivo voto dell’aula – dopo le incessanti proteste suscitate in tutta Italia – portava ad escludere “Acea e licenziamenti”, ma lasciava inalterata la volontà politica di procedere alle privatizzazioni.

Questo decreto “ salva Roma” è in decadenza il 30 dicembre e il governo per non essere sconfessato farà di tutto per farlo approvare alla Camera, anche con il voto di fiducia.

Tutte le compagini sociali, che con “ Roma non si vende” hanno impedito nel 2012 la vendita di Acea voluta dalla giunta Alemanno, chiamano ora ad una pronta risposta al governo Letta , con il fine di far ritirare il provvedimento e/o farlo decadere : l’appuntamento è per lunedì 23 dicembre , dalle ore 10,30 a Montecitorio.

Roma 21.12.13
Confederazione Cobas Roma

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Lunedì 11 ottobre: I COBAS, insieme a tutto il sindacalismo conflittuale, convocano lo sciopero generale.
Manifestazione regionale a Firenze ore 10 Piazza Puccini.  Bus gratuito dei Cobas.
Partenza da Pisa ore 7.30 parcheggio Pubblica Assistenza via Bargagna Cisanello
Partenza da Pontedera ore 8.00 parcheggio Cineplex ex Panorama lato Toscoromagnola
Per prenotazioni e informazioni inviare al più presto comunicazione telefonando allo 3382529966

Tag Cloud