Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Vietnam. Inedita ondata di scioperi e mobilitazioni nelle fabbriche

Postato il 7 Aprile 2015 | in Mondo, Scenari Politico-Sociali | da

VietnamDura ormai da otto giorni la clamorosa protesta dei lavoratori e delle lavoratrici di una grande fabbrica di calzature di proprietà cinese. Al centro della inedita mobilitazione portata avanti da una parte degli 80.000 dipendenti della Pou Yuen Vietnam, non solo l’inadeguatezza dei salari a fronte di un’inflazione galoppante, ma anche la nuova legge sulla previdenza che prevede un compenso mensile successivo al pensionamento – simile a quanto accade nei paesi occidentali – anziché la consegna dei contributi maturati in un’unica soluzione anche in caso di licenziamento, come finora avveniva.
La protesta iniziata una settimana fa non si limita solo al complesso industriale di Hochiminh City che produce anche per grandi brand straniere come Nike, Adidas, Converse e Reebok, ma ha riguardato anche l’autostrada numero 1, con il blocco delle carreggiate da parte dei dipendenti. Finora le mobilitazioni e i cortei dei lavoratori si sono svolti sotto il controllo delle forze dell’ordine che però non sono mai intervenute contro gli scioperanti.
L’azienda è anche accusata dai sindacati di aver “distratto” negli ultimi tre mesi il denaro prelevato dallo stipendio dei lavoratori per le coperture assicurative, utilizzandoli per altri scopi invece di depositarlo nelle casse dell’agenzia di Stato.

La novità di questa protesta non sta solo nella sua consistenza e nella sua durata, ma anche nelle motivazioni che prendono di petto alcune politiche governative, come quella pensionistica, e non solo necessità immediate, come salario, condizioni di lavoro e orari.
La proposta governativa di una parziale marcia indietro che consentirebbe ai lavoratori la scelta al ritiro dal lavoro a 60 anni per gli uomini e 55 anni per le donne, tra una pensione mensile o un unico versamento, è stata accolta con favore dai sindacati ufficiali che hanno chiesto ai tesserati di tornare al lavoro. Ma i gruppi più o meno spontanei di lavoratori dell’azienda hanno rifiutato per ora l’offerta continuando la mobilitazione.

Leggi tutto l’articolo al seguente indirizzo:

http://www.inventati.org/cortocircuito/2015/04/03/vietnam-inedita-ondata-di-scioperi-e-mobilitazioni-nelle-fabbriche/

 

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Tag Cloud