Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Un corretto approccio epidemiologico per capire il complesso dei rischi dei lavoratori

Postato il 17 Maggio 2014 | in Sicurezza sul lavoro | da

Giro a tutti (in verità con un bel po’ di ritardo) quanto mi scrive Valerio Gennaro, medico epidemiologo dell’IRCCS di Genova (CTS Medici per l’Ambiente e di Medicina Democratica).

Non sono in grado di entrare nel merito della discussione da lui lanciata, in quanto non sono un medico, ma un ingegnere, anche se entrambi (Valerio e io) ci occupiamo di tutela della salute dei lavoratori.

Posso però riassumere i temi fondamentali della discussione lanciata da Valerio in due aspetti:

  • la necessità di non utilizzare solo i dati relativi alle malattie tumorali come indicatore dell’effetto dell’inquinamento ambientale nei luoghi di lavoro e nelle aree limitrofe, ma di utilizzare i dati relativi a tutte le malattie.
  • la necessità di interrompere l’abitudine di eseguire confronti epidemiologici scorretti, ovvero tra lavoratori esposti ad agenti patogeni e popolazione generale, ma tra lavoratori esposti e lavoratori non esposti.

La buona pratica dell’approccio epidemiologico alla valutazione del rischio da agenti nocivi per la salute all’interno di una azienda si avvale di una analisi statistica che valuti i rischi delle attività svolte da gruppi omogenei di lavoratori (o mansioni lavorative), nonché a sesso ed età dei lavoratori, al fine di individuare un nesso causale tra patologie e agenti nocivi presenti negli ambienti di lavoro (chimici, incluso agenti cancerogeni, fisici, biologici, rumore, vibrazioni, campi elettromagnetici, ecc.).

Tale approccio è richiesto espressamente dalla normativa di tutela della salute dei lavoratori.

All’interno del D.Lgs.81/08 infatti sono numerosi i richiami in tal senso.

Ad esempio la lettera a) dell’articolo 25, comma 1, mette il medico competente, insieme al datore di lavoro e al Servizio di Prevenzione e Protezione, al centro del processo di valutazione dei rischi e di definizione degli interventi di prevenzione e protezione della salute dei lavoratori:

  • “Il medico competente collabora con il datore di lavoro e con il servizio di prevenzione e protezione alla valutazione dei rischi, anche ai fini della programmazione, ove necessario, della sorveglianza sanitaria, alla predisposizione della attuazione delle misure per la tutela della salute e della integrità psico-fisica dei lavoratori […]”.

Tale principio è poi esemplificato, per quanto riguarda l’analisi epidemiologica dalla lettera i) del medesimo comma 1:

  • “Il medico competente comunica per iscritto, in occasione delle riunioni di cui all’articolo 35, al datore di lavoro, al responsabile del servizio di prevenzione protezione dai rischi, ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, i risultati anonimi collettivi della sorveglianza sanitaria effettuata e fornisce indicazioni sul significato di detti risultati ai fini della attuazione delle misure per la tutela della salute e della integrità psico-fisica dei lavoratori”.

Il principio della centralità del medico competente nella valutazione del rischio è poi ripresa dall’articolo 29, comma 1:

  • “Il datore di lavoro effettua la valutazione ed elabora il documento di cui all’articolo 17, comma 1, lettera a) [documento di valutazione dei rischi], in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente […]”.

Pertanto l’approccio epidemiologico è una metodologia di valutazione dei rischi per la salute presenti nei luoghi di lavoro, espressamente richiesta dalla normativa vigente.

Ciò nonostante non mi è mai capitato nella mia attività lavorativa di visionare un documento di valutazione del rischio redatto anche sulla base di un’analisi epidemiologica, mentre ritengo che tale contributo sia fondamentale per una corretta identificazione dei rischi per la salute.

Premesso quanto sopra, invito chiunque (medico, tecnico della prevenzione, lavoratore) voglia dare il suo contributo alla interessante attività svolta da Valerio a contattarlo direttamente al suo indirizzo: valerio.gennaro@hsanmartino.it, valerio.gennaro52@gmail.com mettendo il sottoscritto per conoscenza.

In allegato lo studio:
http://www.cobasconfederazionepisa.it/wp-content/uploads/2014/05/AIRTUM-Gennaro-DEFINITIVO.pdf

Marco Spezia

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Tag Cloud