Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

[U.S.A.] Lavoratori dei fast-food in sciopero per rivendicare aumenti salariali. Centinaia di arresti

Postato il 15 Settembre 2014 | in Lavoro Privato, Mondo, Scenari Politico-Sociali, Sindacato | da

In circa 150 città statunitensi, giovedì 4 settembre, migliaia di lavoratrici e lavoratori dei fast food hanno incrociato le braccia per rivendicare aumenti salariali ed il diritto all’associazione sindacale.

Si tratta della settima giornata di protesta organizzata a partire dal novembre 2012, che segna l’inizio di questo movimento che non accenna a fermarsi, anzi: ogni data di mobilitazione ha visto un maggior numero di città e di persone coinvolte.

Il movimento, nel corso dei suoi due anni di vita, ha già conseguito alcuni importanti risultati: sebbene, infatti, il salario minimo a livello federale rimanga 7,25$ all’ora, il che comporta uno stipendio annuo al di sotto della soglia di povertà stabilita allo stesso livello federale, in alcuni stati ci sono stati degli aumenti. A Seattle, a maggio, il salario minimo è stato portato a 15$ all’ora, metre pare, almeno secondo il The Guardian, che a New York, Los Angeles e Chicago si stia pensando di arrivare ai 13$ orari.

Leggi tutto l’articolo al seguente indirizzo:
http://clashcityworkers.org/internazionale/1584-usa-sciopero-lavoratori

 

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Tag Cloud