Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Richiesta Cobas sui chiarimenti per la gestione delle assenze per la malattia

Postato il 18 Marzo 2015 | in Lavoro Pubblico, Sindacato | da

Al Dirigente al Personale

p.c. all’Assessore al Personale

Oggetto: richiesta COBAS chiarimenti gestione assenze per malattia

influenzaA seguito di numerose richieste pervenute da colleghi e colleghe, in qualità di delegati RSU nella lista dei Cobas – pubblico impiego, chiediamo delucidazioni e chiarimenti scritti in merito alla gestione delle assenze per malattia.

A seguito della circolare n. 2/2014 della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Funzione Pubblica infatti sono state dettate le nuove regole riguardanti le assenze per visite, terapie, prestazioni specialistiche ed esami diagnostici. In virtù delle nuove disposizioni il personale è impossibilitato ad usufruire di semplici giorni di malattia e per sottoporsi a visite e terapie periodiche deve ricorrere al monte ore di permessi individuali o ai giorni per particolari motivi.

Un caso a parte è quello dei “dipendenti che, a causa delle patologie sofferte, debbono sottoporsi periodicamente, anche per lunghi periodi, a terapie comportanti incapacità lavorativa”. Chiediamo pertanto quale tipologia di certificazione debba essere prodotta dai dipendenti che hanno bisogno ripetutamente di terapie salvavita (intese sia come visite che esami diagnostici o somministrazioni farmacologie ospedaliere legate alla patologia).

A fronte inoltre di valide motivazioni di carattere personale e medico, si chiede che il personale possa avere una flessibilità oraria nello svolgimento dei rientri pomeridiani in modo da accrescere il proprio monte ore con accantonamento del surplus orario in un’apposita banca delle ore da cui attingere al momento di sottoporsi a controlli e visite mediche. A tale scopo si rende necessaria una direttiva dell’ufficio personale ai dirigenti e alle P.O. al fine di consentire quanto richiesto.

In ogni caso, per quanto riguarda i tempi atti al recupero dei debiti orari, chiediamo il ripristino del 31 Marzo come data ultima per il recupero del deficit orario relativo all’anno solare precedente, termine già concordato negli anni scorsi previo accordo sindacale.

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Tag Cloud