Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Reti ambiente o Ato costa? Cosa succede nell’igiene ambientale toscana…..

Postato il 8 Luglio 2015 | in Lavoro Privato, Sindacato | da

IgieneLa questione è lunga e complessa. Ato costa, autorità per la gestione dei rifiuti urbani, viene costituita quasi 4 anni fa dai vari comuni della costa toscana. l’Ato dovrebbe transitare a Reti Ambiente, società che rileverà tutte le quote pubbliche cedendone il 49% ad un soggetto privato.

Un iter lungo perchè sono in ballo migliaia di posti di lavoro e i rischi riguardano soprattutto i subappalti che nei rifiuti sono con scarse tutele e contratti sfavorevoli

In questi due anni la critica dei Cobas era proprio rivolta a questo doppio binario, da una parte il passaggio a una azienda pubblica di dipendenti delle ditte piu’ grosse e il subappalto che continuerà ad operare con contratti sfavorevoli e ora con la minaccia dei licenziamenti del Jobs act. Allo stesso tempo vediamo che almeno la proposta di scongiurare la mobilità degli operai è stata accolta, giusto per evitare che chi sta all’Isola d’Elba si ritrovi a lavorare in Continente (ma allo stesso tempo non è scontato lo stesso discorso per province limitrofe).

Leggi tutto il comunicato nel documento in allegato:

retiambiente_atocosta

 

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Tag Cloud