Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Replica sul crocifisso in classe

Postato il 7 Aprile 2015 | in Italia, Scenari Politico-Sociali | da

Il crocifisso nelle scuole ce lo mise il fascismo…

crocifisso_in_classeA Terni un insegnante è stato sospeso 40 giorni (senza retribuzione) per avere tolto i crocifissi nelle scuole.

In provincia di Pisa un prete con il sostegno di pd e destre diventa il paladino della benedizione delle scuole dimenticando che sul territorio ci sarebbero da fare ben altre cose a sostegno di famiglie che non arrivano piu’ a fine mese, di aziende chiuse per la prepotenza padronale ma non prima di avere beneficiato di ammortizzatori sociali e aiuti dalle istituzioni locali

La presenza dei crocifissi non ha niente a che vedere con la tradizione, piuttosto è la fine della laicità dello Stato come detto da una sentenza della Corte di Cassazione, uno stato che laico non è piu’ da decenni , basterebbe vedere ai lauti finanziamenti accordati dal Governo Renzi agli istituti privati quando nella nostra provincia le scuole pubbliche cadono a pezzi, quando non ci sono fondi per dotarle di laboratori attrezzati e palestre.

Noi solidarizziamo con la preside di Perignano, questo gran polverone è stato costruito ad arte per deviare l’attenzione dai problemi sociali, economici di un territorio in crisi, con strade dissestate e una crescente miseria, queste sono le priorità . Quanto poi alla scarsa memoria storica non abbiamo dubbi: la chiesa italiana ha benedetto le camicie nere fino al 1943

Cobas Pubblico Impiego

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AVVISI IMPORTANTI

Archivi

Tag Cloud