Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

People Mover: quando le dichiarazioni di gloriosi amministratori fanno a gara con il dare i numeri

Postato il 25 Novembre 2014 | in Scenari Politico-Sociali, Territori | da

Dalla stampa cittadina:

Pisa-stazione-aeroportoIl 13 settembre 2012 “Dopo l’anticipo di 1 milione della regione per sostenere la progettazione,… ” ,

Il 06 febbraio 2013 “Dei 69 milioni necessari per l’opera, 27 arrivano dai fondi europei che Pisa ha”sottratto a Prato (” A Pisa al contrario avevamo un progetto pronto”, ha rimarcato il sindaco Marco Filippeschi)”…

L’ apice della propaganda viene raggiunta nel febbraio 2013 nell’ Auditorium di Palazzo Blu, dove tutta la Pisa che conta è presente, compreso L’Onnipotente Presidente della Regione Enrico Rossi.

Vengono presentati tre documenti:

Il primo della Sat che ci narra lo sviluppo dello scalo pisano per rafforzare la necessità, essendo al passo con i tempi, del People Mover. Si potrà diventare maggiormente concorrenziali con altre realtà aeroportuali e, perla delle perle, vengono spontanei i confronti con le altre città e/o forse meglio definirle metropoli: “Shanghai International Airport: Airport Shuttle Maglev, Instanbul” (ma non si scrive Istanbul ?) “Ataturk International Airport:Airport metro, New York JFK International Airport: Air train, Dubai International Airport”.

Il secondo, dell’ex Assessore all ‘Urbanistica Fabrizio Cerri, tratta “la modernizzazione del sistema…..” citando i ” 28 milioni di finanziamento comunitario”.

Il terzo, della Pisamo, ci racconta: ” Il Pleople Mover non graverà sulla finanza pubblica italiana :

il progetto è finanziato in parte da soci privati ed in parte (27 milioni), grazie al ricorso a fondi comunitari finalizzati.

La durata della concessione, prevista dal bando di gara in 40 anni, sarà di 33 e 8 mesi, di cui 3 per la realizzazione: dopo di che l’ opera tornerà ad essere pubblica.

Il contributo in conto gestione sarà di € 578.512 per anno, con la possibilità di ridursi fino al suo totale azzeramento nel caso che gli incassi delle tariffe siano superiori rispetto ai livelli previsti nel Piano Economico Finanziario posto a base di gara. Il contributo attualmente erogato da Regione Toscana a Ferrovie dello Stato è di € 833.000. Si è dunque realizzato un risparmio di denaro pubblico.

Il rischio della domanda è a carico del concessionario, vale a dire se gli incassi previsti nel Piano Economico Finanziario proposto dal concessionario effettivamente non vengono realizzati, il rischio relativo è a suo carico.”

ATTENZIONE ORA:

“PISAMO SPA ASSEMBLEA DEI SOCI DEL 27 MARZO 2013 …

si legge: “con la quale all’art. 38 si prevedeva l’estinzione anticipata della convenzione stessa nel caso in cui la procedura relativa al finanziamento di cui all’art.3 della convenzione stessa non fosse positivamente conclusa entro il 31/03/2013 : poiché non sono ancora in corso le valutazioni della Comunità Europea sulla decisione di finanziare l’opera, si rende necessario una modifica dell’art. 38 della convenzione, fissando il nuovo termine al 31 maggio 2013, data per la quale ragionevolmente si prevede la formalizzazione della decisione della Comunità Europea circa il finanziamento.”

EMINENZE GRIGIE O NANI E BALLERINE ?

Quello che è evidente che al 27 marzo 2013 non sapevano niente e poi niente, ma hanno scritto di tutto e di più, si sono glorificati di essere migliori di altri amministratori, di avere progetti, e invece … hanno invaso di articoli i giornali, tenuto conferenze, programmi televisivi, senza documentazione alcuna .

Facciamo ora qualche considerazione :

1) Mettere Pisa in competizione con Shanghai, Istanbul,New York, Dubai, nonostante tutto l’ottimismo e la mania di grandezza che certi pisani possono aver ereditato dal passato, francamente è dura da recepire.

Poi per lo sviluppo del Galilei il Pd ed il suo Segretario e Presidente del Consiglio Renzi sono e saranno determinanti negli anni a venire!!!

2) Perché la Regione deve anticipare soldi pubblici per un progetto privato?

3)L’Assessore Cerri parla di 28 milioni, la Pisamo di 27, come contributi comunitari. Lasciamo perdere la differenza di 1 milione di euro, tanto non ha mai cambiato la vita a nessuno.

E comunque sia che provengano dalla Ue, Regione o altro sono sempre soldi nostri ovvero dei contribuenti!!!

Leggiamo il 19 giugno 2013 “Ora c’è la certezza : il People Mover si farà e nel rispetto dei tempi” con queste parole il presidente della Regione Enrico Rossi, commenta la notizia ….E’ stato il commissario Ue alle politiche regionali Johannes Hahn a firmare l’ ok al finanziamento di oltre 7 milioni di euro(7,037)” La fonte giornalistica elenca , con pignoleria numerica, gli “spiccioli” di altre 37 mila euro, ma con ironia, probabilmente involontaria, il noto commissario Ue aggiunge: ” Questo progetto di sviluppo ferroviario ad alta tecnologia è un esempio concreto di come i fondi strutturali possono aiutare l’economia della Toscana a svilupparsi.”

ALTA TECNOLOGIA : UN TRENINO A CREMAGLIERA TRAINATO DA UNA FUNE?

 4) Perché la regione deve pagare ad una società privata per utilizzare il suolo pubblico € 578.512 all’anno per 30 anni ? Basta fare la moltiplicazione e si vede che non solo l’ impresa si riprende tutto il suo capitale investito ma si ritrova anche una plus valenza di 2 milioni e mezzo (così dicevano prima, ora sono già a €800.000 i fondi che la Regione erogherà annualmente e le spese, a bocce ferme, sono già levitate di 3 milioni di euro per aver solamente divelto i binari, figuriamoci in seguito!).

 Il vecchio/nuovo PD, nei suoi vertici, riesce a perpetrare sempre e comunque miracoli. Miracolosamente sono riusciti a far convergere la sinistra, il centro e la destra a livello popolare, in un coro di no, in quanto quei vertici non si sono accorti che è tutta la città a rifiutare questo progetto, che, guarda caso, risulta interessante solo per le solite eminenze grigie, o per il solito gruppo imprenditoriale di Condotte S.P.A., proprietario di Villa Madrè, che ritroviamo coinvolto anche nell’operazione People Mover

Ma in fondo dobbiamo essere molto grati al PD per essere attentamente in assorto ascolto della cittadinanza e per dare ulteriore lustro e gloria a queste così benemerite istituzioni cittadine, nel solco delle grandi tradizioni della Repubblica Pisana e dei suoi antichi allori.

IL COMITATO DI QUARTIERE DI PORTA A MARE

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Tag Cloud