Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Palestina. Delegazione italiana entra a Gaza!

Postato il 4 Gennaio 2014 | in Mondo, Scenari Politico-Sociali | da

Palestina. Delegazione italiana entra a Gaza!

Comunicato Stampa del Comitato Per non dimenticare Sabra e Chatila

Dopo una lunga attesa ed estenuanti trattative con le autorità egiziane una delegazione del movimento di solidarietà con la Palestina è riuscita oggi alle 15 (ora italiana) ad entrare nella Striscia di Gaza, un obiettivo ormai niente affatto facile per chiunque voglia recarsi in questo lembo di terra sotto assedio israeliano.

Nel dare la notizia, vogliamo esprimere il nostro plauso alla delegazione italiana per la caparbietà con cui ha voluto insistere per raggiungere Gaza e portare agli uomini e alle donne palestinesi che vivono il terribile isolamento e l’occupazione armata la solidarietà e la vicinanza di migliaia di attivisti che sono dalla loro parte e non condividono le scelte di cooperazione politica, militare ed economica del nostro governo e quello di Tel Aviv.

In attesa del loro rientro in Italia, quando avremo le notizie dettagliate del loro viaggio, ribadiamo la nostra vicinanza e solidarietà al popolo palestinese e alla sua lotta di liberazione nazionale.

Comitato Per non dimenticare Sabra e Shatila

Per contatti con la delegazione: 00201202057062

P.S.: Era arrivato nel cuore della notte di Capodanno il via libera per la delegazione italiana con destinazione Gaza. Ieri mattina (1° gennaio) alle 7.00 si erano messi in marcia alla volta del valico di Rafah per poter poi entrare nel Territorio Palestinese sotto assedio dal 2006. Obiettivo i campi profughi palestinesi nella Striscia e l’ospedale al Awda, cinque anni dopo la sanguinosa operazione Piombo Fuso da parte delle forze armate israeliane. In mezzo, da allora, più di 1.740 morti, migliaia di mutilati, un assedio che ancora permane. Un nuovo stop nel pomeriggio del 1°, a circa 150 km da Rafah, da parte delle forze di sicurezza egiziane che avevano fatto fernare il pullman. Costretti al dietrofront fino al Canale di Suez, la delegazione non ha rinunciato: stamattina è partita nuovamente, riuscendo finalmente a passare.

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

26 marzo 2021

sciopero Cobas Scuola

presidio a Pisa

piazza XX settembre ore 10:00

Tag Cloud