Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Palazzo Gambacorti in trasloco

Postato il 9 Luglio 2015 | in Scenari Politico-Sociali, Territori | da

PALAZZO GAMBACORTI IN TRASLOCO 

L’estate è quel momento in cui fa troppo caldo per fare quelle cose per cui faceva troppo freddo d’inverno.
(Mark Twain)

GambacortiLa massima di Twain non si addice al Comune di Pisa per il quale i mesi estivi sono da sempre portatori di novità.

La Fondazione Pisa  sta per acquistare ad un prezzo decisamente basso il palazzo ex Telecom, su questa operazione i Cobas hanno scritto a Procura e Corte dei Conti anche se non ci illudiamo sul loro intervento, del resto neppure la asl ormai  interviene per sanzionare il Comune nonostante palesi irregolarità ed esposti.

La Giunta vuole in due settimane traslocare interi uffici, con una  delibera stabilisce addirittura  il cronoprogramma  dimenticando che gli operai  comunali (rimasti in 3) dovrebbero andare in ferie senza poi ricordare le indicazioni degli Rls e della stessa Responsabile del servizio protezione e prevenzione che richiedevano alcune garanzie a tutela della salute del personale…

Gli Rls avevano chiesto un incontro con tutti i dirigenti interessati al trasloco e un rinvio dello stesso , i Cobas da sempre hanno contestato una operazione immobiliare svantaggiosa per le casse comunali

Negli uffici spesso manca l’aria condizionata, latita anche in quelli destinati al pubblico ma tutto cio’ si verifica puntualmente da anni senza che nessuno voglia prendere provvedimenti e impegnare pochi soldi in un capitolo di spesa.

La politica del personale è inesistente, un assessore con percentuali da prefisso telefonico fa ormai il bello e il cattivo tempo arrivando a controllare (direttamente o con i dirigenti a lui legati) le politiche comunali su importanti materie.

Della formazione nessuna traccia, idem del regolamento della mobilità interna.

Da anni chiediamo alcune regole chiare e condivise per assicurare mobilità nella trasparenza e senza favoritismi. Non vorremmo che nelle accaldate giornate estive uscisse qualche bando di mobilità che magari non terrà conto neppure dei profili professionali (con demansionamenti per esempio) o magari decida di accordare il passaggio dalla Pm e dai servizi educativi senza considerare chi da anni attende risposte.

L’estate 2015 viene vissuta a colpi di spot dai nostri amministratori che annunciano aumento dei servizi (dalla pm all’anagrafe) senza prima verificare gli organici a disposizione del comune, capita poi che qualche assessore dia anche dei numeri a casaccio giusto per non perdere la foto del giornalista e compiacenti domande di una stampa asservita al potere politico che ormai preferisce pubblicare le veline dell’ufficio stampa del Sindaco piuttosto che una inchiesta sui servizi comunali

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Tag Cloud