Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Osservatorio sulla Repressione Newsletter n. 39/2014

Postato il 30 Ottobre 2014 | in Italia, Scenari Politico-Sociali | da

osservatorioNews dal 20 al 26 ottobre 2014

#LotteSociali

Taranto. Il tribunale condanna i disoccupati in lotta
Due disoccupati organizzati dello Slai Cobas di Taranto, Massimo Portacci e Francesco Tagliente, sono stati condannati rispettivamente a 7 mesi e 5 mesi di reclusione.

#Razzismo #Migranti #Rom

Il razzismo “democratico” di Pd e Sel: bus separati per rom e migranti
Proposta shock  della giunta del comune di Borgaro Torinese a guida Pd e Sel

#Carcere #Ergastolo

L’ergastolo è come la pena di morte… lo dice Papa Francesco

Papa Francesco davanti all’Associazione Internazionale di Diritto Penale, contro la deriva del “populismo penale”: “Giustizia non è vendetta”. Abolire la pena di morte, l’ergastolo – una “pena di morte nascosta” – e la carcerazione preventiva, rinunciare ai regimi di massima sicurezza – vere e proprie forme di “tortura”, risolvere il sovraffollamento delle prigioni.

Uno Stato che non rispetta la sua legalità
una interessante intervista a cura Francesca De Carolis ad Andrea Pugiotto,  costituzionalista impegnato per il miglioramento delle condizioni del carcere e per l’abrogazione dell’ergastolo.

Carceri: suicidio di un detenuto al “Due Palazzi” di Padova

Ancora un suicidio in carcere. Si è tolto la vita, nella sua cella del carcere Due Palazzi di Padova, un magrebino di 38 anni, Samir Rihai, trasferito qualche giorno fa dal carcere di Verona. L’uomo non ha nessun segno sul corpo e si sarebbe impiccato con una cintura.

Samir ha pensato che la soluzione migliore era appendersi a queste fottute sbarre

Fino al 31 settembre nelle carceri italiane si sono registrate 31 morti per suicidio. Con molto dispiacere mi vedo costretto ad aggiungere un altro a questa lista che sembra non finire mai. Il 18 ottobre 2014 alle ore 18 nella Casa di Reclusione di Padova si è tolto la vita un giovane tunisino di 38 anni di nome Samir Riahi impiccandosi alle sbarre del bagno.

#malapolizia

Agenti sotto processo per la morte di Giuseppe Uva… ci sono voluti 6 anni
Imputati, in aula. Sei anni e mezzo dopo la morte di Giuseppe Uva, per la prima volta i due carabinieri e i sei poliziotti che lo arrestarono e lo portarono nella caserma di via Saffi, varcano le soglie dell’aula bunker del tribunale di Varese.

#Appuntamenti

Passato e futuro del garantismo- convegno a Roma 29 e 30 ottobre 2014


Padova: Inaugurazione del Centro ricreativo e sociale per detenuti e condannati in misura alternativa”

CENA PER LA LIBERTA’ DI MOVIMENTO A SOSTEGNO DI NUNZIO E MARCO

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Tag Cloud