Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Osservatorio Repressione Newsletter n. 40/2014

Postato il 4 Novembre 2014 | in Italia, Scenari Politico-Sociali | da

News dal 27 ottobre al 2 novembre 2014

Osservatorio#ProcessoCucchi #malapolizia #malagiustizia

VERGOGNA!!!!!! Omicidio Cucchi: tutti assolti
La I Corte d’Assise d’Appello ha assolti tutti gli imputati – sei medici, tre infermieri e tre agenti della Polizia penitenziaria – accusati e processati per la morte di Stefano Cucchi, il geometra di 31 anni, arrestato il 15 ottobre del 2009 e deceduto una settimana dopo al reparto di medicina protetta dell’ospedale Sandro Pertini di Roma.

Impunità
A riguardo la sentenza di assoluzione per l’omicidio di Stefano Cucchi, pubblichiamo un importante contributo che ci ha inviato il Prof. Salvatore (Turi) Palidda, sociologo, che insegna presso l’Università degli Studi di Genova. Nella sua lunghissima carriera si è occupato soprattutto di studiare il ruolo della polizia italiana, analizzando le trasformazioni delle sue funzioni rispetto al quadro generale della sicurezza urbana.

Il Sap, da Almirante agli insulti a Cucchi e Aldro
Biografia non autorizzata del secondo sindacato di poliziotti. Cuore a destra, odio per i movimenti sociali, applausi agli assassini di Aldrovandi ecc…

Cara Ilaria ti stringo, e laddove non è arrivata la giustizia ancora e sempre la nostra solidarietà

«In questo Paese bisogna finirla di scaricare sui servitori dello Stato le responsabilità dei singoli, di chi abusa di alcol e droghe, di chi vive al limite della legalità. Se uno ha disprezzo per la propria condizione di salute, se uno conduce una vita dissoluta, ne paga le conseguenze». E’ questa la dichiarazione di Gianni Tonelli, segretario sindacato polizia Sap.

#Crisi #ConflittoSociale #Repressione #Fiom

Roma: la polizia carica i lavoratori Ast, ci sono feriti
Pesante carica della polizia ai danni dei lavoratori Ast e dei sindacalisti impegnati a Roma, nel presidio in difesa delle acciaierie ternane sotto l’ambasciata tedesca. Alcuni feriti, tra cui Gianni Venturi della Fiom Nazionale

Il manganello quotidiano
Nonostante le cariche violente durante i cortei operai, studenteschi, in Italia faticano ad affermarsi i criteri di trasparenza già diffusi nel resto d’Europa. L’opposizione del Ministro Alfano, dei vertici della Polizia e dei sindacati di polizia è totale.

Governo Renzi, selfie col manganello
La vicenda delle cariche a Roma contro gli operai Ast, di per sè, potrebbe anche essere considerata come un episodio comunque inaccettabile ma magari minore. Si tratta invece di un episodio, dal punto di vista simbolico, molto significativo. Perchè ha coinvolto, nella piena consapevolezza del governo, il segretario della Fiom Landini.

Teste rotte, poliziotti pugili? Chi paga per la carica anomala di Roma agli operai? O forse non è mai accaduto nulla?
La stranezza dei cosiddetti incidenti tra lavoratori/delegati della FIOM e agenti di Polizia accaduti a Roma a piazza Indipendenza il 29 ottobre è banalmente evidente. Si trattava dei lavoratori umbri della AST presenti a Roma per la vertenza connessa alla ristrutturazione della propria azienda con conseguenti licenziamenti. Ma sono state attivate su giornali e TV una batteria di cortine fumogene sui fatti che bisogna smantellare. E parliamo perciò di fatti, solo di fatti.

Napoli: la polizia carica gli studenti che solidarizzano con gli operai di Terni
Alla Stazione Marittima, all’esterno della 14.esima Conferenza del FEMIP con i vertici della Banca Europei degli Investimenti, dove è previsto un intervento del Ministro dell’Economia del governo Renzi, Padoan, la polizia ha manganellato un gruppo di studenti e precari che tentavano di esporre uno striscione di solidarietà con i lavoratori di Terni vittime ieri a Roma della violenza degli apparati repressivi dello stato.

#Movimenti #LottaperlaCasa

Paolo e Luca sono Liberi!!!!
Paolo Di Vetta e Luca Fagiano sono Liberi!!!.  Dopo 6 mesi di arresti domiciliari,  il tribunale ha disposto l’obbligo di firma tre volta alla settimana. I due attivisti erano stati arrestati lo scorso maggio a margine di un sit-in contro la decisione del ministro Angelino Alfano di vietare i cortei “violenti”

#LotteSociali #AmnistiaSociale

Nuova denuncia nei confronti degli attivisti No Muos
Un attivista No Muos è stato denunciato par presunta resistenza e presunta violenza in riferimento ai fatti del 25 gennaio quando, durante l’innalzamento delle parabole, due attivisti si incatenarono ai cancelli della base Usa.

Bologna: Sette denunciati per lo sgombero di Taksim
Sette denunciati per lo sgombero dello studentato occupato Taksim, in via Irnerio, risalente allo scorso 1 ottobre.  Due di loro sono minorenni. Le segnalazioni alla Procura sono state fatte ieri dalla Digos, che ha condotto le indagini.

#Razzismo #Migranti #Rom

Antirazzismo, istruzioni per l’uso
Un piccolo manualetto… da leggere, divulgare e condividere per sfatare i luoghi comuni del razzismo. A cura di Stefano Galieni per l’Osservatorio sulla Repressione

Il razzismo “democratico” di Pd e Sel: bus separati per rom e migranti
La giunta del comune di Borgaro Torinese ha avanzato la proposta di raddoppiare la linea dell’autobus 69 in modo da separare coloro che vivono nel vicino campo rom da chi si reca in città. Le motivazioni? Lamentele continue dei residenti rispetto al dilagare di scippi, rapine e atti di vandalismo perpetrati (in maniera unilaterale) dalla comunità rom.

#Carceri #Emergenza

“Protocollo Farfalla”, così avvocati e attivisti venivano spiati dai servizi segreti
Il cosiddetto “Protocollo Farfalla” non ha nulla a che vedere con la trattativa Stato-Mafia. È stata invece una operazione di intelligence, portata avanti in collaborazione con l’amministrazione penitenziaria, per mettere sotto controllo le associazioni dei detenuti, avvocati penalisti che esercitavano legittimamente la difesa dei reclusi al 41bis e uomini appartenenti alla criminalità organizzata che in rivendicavano i propri diritti di detenuti e protestavano contro il carcere

Carceri: detenuto di 28 anni si impicca in cella a Como
Salgono così a 38 i detenuti che si sono tolti la vita da inizio anno: Avevano un’età media di 41 anni, 32 gli italiani e 6 gli stranieri, 2 le donne.

#Appuntamenti

Benevento 8 novembre

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Tag Cloud