Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

L’economia mondiale nel vortice della crisi

Postato il 29 Marzo 2016 | in Italia, Mondo, Scenari Politico-Sociali | da

bombe-acceseMentre il governo italiano sventola ai quattro venti gli ultimi dati Istat strombazzando che l’Italia è finalmente fuori dalla recessione, grazie al fatto che l’economia italiana è cresciuta nel 2015 di un misero 0,6%, dopo un quinquennio di contrazione del Pil, i mercati borsistici di tutto il mondo hanno fatto registrare il peggior inizio anno della storia finanziaria del moderno capitalismo. Il crollo degli indici azionari delle principali piazze borsistiche mondiali nelle prime sei settimane dell’anno in corso è stato nettamente il peggiore tra quelli finora registrati, ancor più negativi di quelli fatti registrare nel 1931 e nel 2009,  gli anni immediatamente successivi alle due grandi crisi finanziarie del 1929 e del 2008.

Tale crollo non è stato ovviamente un fulmine a ciel sereno, come qualche prezzolato commentatore vorrebbe far credere per nascondere le reali difficoltà del sistema capitalistico internazionale; infatti, i primi scricchiolii si erano già manifestati nell’estate scorsa quando la borsa di Shangai ha fatto registrare pesanti perdite anche a causa del rallentamento nella crescita della produzione cinese e dell’eccessiva crescita della bolla speculativa sui mercati finanziari della stessa Cina. L’attuale crisi finanziaria è globale e per la prima volta nella storia del capitalismo la propagazione degli effetti dello scoppio della bolla speculativa all’intero sistema internazionale è avvenuta con la velocità della luce. Ciò rappresenta un vero salto qualitativo che differenzia questa crisi di molto non solo da quella del 1929, quando gli effetti del crollo di Wall Street si propagarono sul piano internazionale soltanto nell’arco di qualche anno, ma anche rispetto a quella più recente del 2008 durante la quale i tempi di dilatazione globale degli effetti dello scoppio della bolla speculativa dei mutui sub-prime sono stati nell’ordine di alcune settimane o addirittura di mesi.   Ma questa crisi è globale soprattutto per il fatto che le cause determinanti sono originariamente da ricercare nelle contraddizioni operanti nell’ambito dell’intero sistema capitalistico mondiale e l’immediato manifestarsi dei suoi effetti su un terreno internazionale è solo la necessaria conseguenza dell’operare delle contraddizioni globali del capitalismo. Nel moderno capitalismo non esiste angolo al mondo che sia al riparo dalla crisi economica e dalla devastazione della guerra globale permanente che sempre di più rischia di deflagrare in un conflitto generalizzato.

Leggi tutto l’articolo di Lorenzo Procopio al seguente indirizzo:

http://www.sinistrainrete.info/crisi-mondiale/6894-lorenzo-procopio-l-economia-mondiale-nel-vortice-della-crisi.html

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Giovedì 6 maggio 2021 ore 10 manifestazione a Firenze in via Mannelli

Giovedì dalle ore 17:00 alle 19:00 assemblea No-INVALSI

Tag Cloud