Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

La retorica incombe a proposito della giornata contro le morti sul lavoro

Postato il 28 Aprile 2016 | in Sicurezza sul lavoro | da

GM-Mondo1Ormai le morti sul lavoro non fanno piu’ notizia, destinate alla cronaca locale o in qualche caso a quella giudiziaria con un lungo iter burocratico per  il risarcimento ai familiari

La Giornata Mondiale per la Salute e per la Sicurezza sul Lavoro  si celebrerà giovedì 28 aprile ma non c’è niente da celebrare

Di lavoro e sul lavoro si continua a morire a ritmi impressionanti, cifre tra le piu’ elevate d’Europa per non parlare poi delle innumerevoli malattie professionali senza riconoscimento, degli infortuni che  nonostante la diminuzione delle ore lavorate sono in aumento

E’ notizia di pochi giorni fa quella riportata dall’Inail che denuncia come i voucher rappresentino non solo uno strumento per sottopagare la forza lavoro ma anche l’uso che ne viene fatto: il voucher compare nel giorno di un infortunio quasi a giustificare e a coprire il lavoro nero.

Al 31 dicembre 2015 m registriamo 1172 vittime  sul lavoro , una media di 98 infortuni mortali al mese (24 alla settimana e più di tre al giorno).

163 sono i morti in piu’ pari al 16% del totale, numeri che da soli confermano la ecatombe di cui ormai si parla solo in occasione della giornata mondiale dimenticandosi che le normative che hanno precarizzato il lavoro, che non hanno diminuito la giornata lavorativa ma anzi innalzato l’età pensionabile, sono alla base di questo sterminio silenzioso e di cui i padroni pubblici e privati sono responsabili e conniventi insieme al Governo.

Cobas Pisa

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Archivi

Tag Cloud