Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

La lotta non si “arresta” in Sicilia e altrove

Postato il 12 Marzo 2015 | in Italia, Scenari Politico-Sociali | da

la-lotta-non-si-arrestaNuovamente, in modo violento, la repressione di questo Stato si è abbattuta sulle avanguardie antagoniste della nostra città. 40 lavoratori della FINCANTIERI (di cui 38 aderenti alla FIOM) sono stati rinviati a giudizio per una manifestazione del 18 luglio 2011, L’accusa è di danneggiamenti alle strutture del cantiere navale, violenza privata e protesta non autorizzata e il rischio è fino a cinque anni di carcere. In questo modo si vuole affrontare l’emergenza del lavoro con le denunce, come era da prassi negli anni di Scelba-

Ma ancora più grave è l’azione repressiva contro 17 militanti del Centro Sociale ExKarcere di Palermo, accusati di associazione per delinquere, con la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Hanno messo in piedi un bel teorema per cercare di strozzare l’attività del Centro Sociale, che da 14 anni si batte contro i soprusi e per i diritti nella nostra città, città che vede ogni giorno crollare i minimi criteri di decenza, dove lo stesso fronte antirachet è lo stesso che chiede il pizzo (il caso Helg insegna). Si costruisce un teorema che mette in continuità una serie di avvenimenti di resistenza popolare degli ultimi anni per teorizzare l’associazione per delinquere. Ci chiediamo ma chi pensa questi teoremi in che città, in che Paese vive? Se vuole trovare chi delinque è molto più semplice andare a scovare chi taglieggia i commercianti da dentro la Camera del Commercio, chi da dentro i Palazzi del Governi Regionale e Nazionale taglia lavoro reddito e diritti, chi ha mandato al fallimento la Formazione Professionale in Sicilia rubando milioni di euro, chi usa elicotteri del 118 per usi personali, chi, in spregio alla volontà popolare, cerca di privatizzare il servizio idrico e a “spirtusare” il territorio siciliano con le trivelle delle multinazionali del petrolio,. Ma la magistratura, gli organi di Polizia dove erano quando gli operai dell’esercito degli Stati Uniti d’America costruivano senza alcuna licenza una base abusiva al centro della sughereta di Niscemi patrimonio dell’Unesco? Forse c’è una visione un po strabica della realtà?

No non sono i militanti dell’exKarcere di Palermo l’associazione per delinquere, loro fanno parte del vasto movimento di opposizione allo sfascio sociale che viene perpetrato nel nostro Paese e che vede nei Governi Renzi e Crocetta i suoi attuali paladini.

Noi stiamo con chi lotta, con chi si prodiga per una vita migliore e dignitosa, con chi chiede e pretende diritti.

Respingiamo al mittente le accuse di Associazione per Delinquere. Mafia capitale e il rapporto Stato/mafia hanno ben insegnato dove stanno i veri delinquenti.

Le lotte non si processano!

Sempre a sostegno di chi è perseguitato per l’impegno politico e sociale!

COBAS Sicilia

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Tag Cloud