Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Incidenti sul lavoro: il volo d’angelo

Postato il 6 Settembre 2021 | in Sicurezza sul lavoro | da

Alla newsletter on-line “Punto Sicuro” https://www.puntosicuro.it (a cui è possibile iscriversi online gratuitamente), riporto (e riporterò) esempi di infortunio, descritti in specifiche schede della ATS Brianza.

Questo nell’ottica di analizzare gli infortuni, per evitare che si ripetano (paragrafo “come prevenire”).

Marco Spezia

Tratto dalla Mailing List Sicurezza sul Lavoro

Punto Sicuro del 31/08/21

Un lavoratore cade da una scala fissa in reparto. Come è successo? Come si sarebbe potuto evitare?

Pubblichiamo la storia di un incidente disponibile sul sito dell’ATS Brianza, che ha raccolto una serie di storie di casi veri indagati, con la speranza che l’informazione su questi eventi contribuisca a ridurre la possibilità del ripetersi ancora di infortuni con le stesse dinamiche.

In allegato la scheda completa della ATS Brianza “21 09 03 Incidenti sul lavoro il volo d’angelo.pdf”, per una lettura più completa

 

IL VOLO D’ANGELO

Tipo di infortunio

Caduta di persona dall’alto/da scala fissa di reparto.

Lavorazione

Preparazione pezzi per trattamento termico.

DESCRIZIONE INFORTUNIO

La persona addetta al reparto forni doveva caricare i pezzi per il trattamento termico nei forni.

Prima di effettuare tale operazione doveva controllare i parametri sui pannelli di controllo posizionati su un soppalco al di sopra dei forni.

DINAMICA INCIDENTE

Mentre scendeva dalla scala fissa del soppalco il lavoratore posizionava un piede in modo errato, scivolava in avanti e picchiava il braccio sinistro su dei bancali sovrapposti depositati davanti alla scala procurandosi la lesione del legamento.

Contatto

Braccio contro bancali depositati sul pavimento.

Esito trauma:

  • rottura del legamento del braccio sx;
  • giorni complessivi di infortunio: 122;
  • postumi permanenti: nessuno.

PERCHÉ È AVVENUTO L’INFORTUNIO?

Determinanti dell’evento

  • scivolamento;
  • scala ripida;
  • battuta (pedata) dello scalino poco profonda;
  • “grip” antiscivolo consumato.

Modulatori del contatto

  • presenza di bancali depositati alla base della scala.

Criticità organizzative alla base dell’evento

  • Mancato controllo dell’usura del grip dei gradini della scala e mancato controllo degli ambienti di lavoro (deposito bancali);
  • Valutazione dei Rischi dei luoghi di lavoro carente.

COME PREVENIRE

  • prestare sempre la massima attenzione e prudenza sulle scale;
  • utilizzare scale fisse costruite nel rispetto delle regole architettoniche con pedata ed alzate a regola d’arte, tali da consentire un transito sicuro;
  • i gradini devono essere realizzati con lamiere grecate o altri materiali che garantiscano un ottimo “grip”; (nota: nel caso di scale non conformi, in attesa di ricevere ed installare la scala nuova, posizionare su ogni scalino il nastro antiscivolo);
  • vigilare sulle aree prossime alla scala che devono essere tenute sgombre per sicurezza;
  • effettuare la pulizia delle scale con cura e frequenza adeguata;
  • controllare ed eseguire le dovute manutenzioni nel tempo delle scale, specie per la permanenza del “grip” dei gradini.

Maggiori dettagli nella scheda tecnica in allegato:

21 09 03 Incidenti sul lavoro il volo d’angelo

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Tag Cloud