Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

In Cina, 10mila in sciopero per il welfare

Postato il 22 Aprile 2014 | in Mondo, Scenari Politico-Sociali | da

In Cina, 10mila in sciopero per il welfare

di Simone Pieranni

Cina. Protesta dei lavoratori della fabbrica di Dongguan che produce per Nike, Reebok e Adidas

Dong­guan, città di otto milioni di abi­tanti nel Guang­dong, la regione pro­dut­tiva per eccel­lenza della Cina sudo­rien­tale, che da sola pro­duce un quinto delle espor­ta­zioni, è nota per due cose: le fab­bri­che e i bordelli.

In Cina si dice che dove sorge un inse­dia­mento di «lavo­ra­tori migranti», cre­scono imme­diati anche i negozi «gialli» (il colore che indica la pro­sti­tu­zione). A Dong­guan que­sta dop­pia carat­te­ri­stica per certi versi esem­pli­fica la Cina di oggi; la sof­fe­renza e il lavoro, la pro­du­zione, la fab­brica del mondo e la Sin City, come è stata ribat­tez­zata Dong­guan, la «città del pec­cato». A dispo­si­zione però, non solo dei lavo­ra­tori, quasi tutti migranti con fami­glie e vita sociali lon­tane, ma anche per i lao­ban, i boss, gli impren­di­tori e i poli­tici che in un modo o nell’altro, spesso dal niente, hanno messo su i barac­coni e le pic­cole città-fabbrica nelle quali gli ope­rani lavo­rano e con­su­mano la pro­pria vita, con sti­pendi da fame e in balia della legi­sla­zione cinese per quanto riguarda le coper­ture sociali.

In que­sti luo­ghi si pro­duce di tutto, soprat­tutto abbi­glia­mento e scarpe. Gli abi­tanti della «Sin city» se la sono vista brutta già alcune set­ti­mane fa, quando una retata ha col­pito cen­ti­naia di per­sone. Sei­mila gli agenti uti­liz­zati per la chiu­sura di molti bor­delli. E ieri, come già ad ini­zio aprile, anche gli ope­rai si sono fatti sen­tire con uno scio­pero di ampie pro­por­zioni, die­ci­mila i par­te­ci­panti secondo i testi­moni. Sono i lavo­ra­tori dello sta­bi­li­mento Yue Yuen, gruppo tai­wa­nese che pro­duce scarpe (è la più grande al mondo) per mar­chi rino­mati e noti in Occi­dente, come Nike, Adi­das, Ree­bok, Asics, New Balance, Puma, Timberland.

L’azienda ha 70mila ope­rai, che oltre a basse paghe non hanno alcuna com­pen­sa­zione di natura sociale: non hanno wel­fare, né age­vo­la­zioni sulla casa e si rifanno sull’azienda, sapendo di pro­durre per mar­chi noti in Occi­dente. Riven­di­cano i paga­menti dei diritti sociali (che ogni cinese di solito chiede in modo molto deter­mi­nato al pro­prio datore di lavoro) dal 2006. Non si tratta di pochi soldi. In realtà l’oggetto del con­ten­dere è un tema caldo anche per il governo e la lea­der­ship, per­ché la pro­te­sta insi­ste su un fat­tore ormai insop­por­ta­bile per la Cina con­tem­po­ra­nea, ovvero l’hukou, il «docu­mento di resi­denza» intro­dotto da Mao verso la fine degli anni 50, per evi­tare una migra­zione estesa, dalle cam­pa­gne alla città. Si tratta di un vero e pro­prio per­messo di resi­denza, che aggan­cia i pro­pri diritti sociali al luogo di provenienza.

Quando negli anni 80 la Cina si aprì ai capi­tali esteri e la migra­zione dalla cam­pa­gna alla città si rese invece neces­sa­ria per svi­lup­pare i poli pro­dut­tivi, i lea­der del paese non cam­bia­rono il sistema, con­tri­buendo a fare una gustosa «cre­sta» sui lavo­ra­tori migranti, senza alcun tipo di wel­fare nelle città dove anda­vano a lavo­rare. Oltre alla sus­si­stenza dove­vano anche pagarsi, come oggi, i ser­vizi basi­lari: sanità e istru­zione per i figli ad esem­pio. Erano altri tempi, si usciva dalla fame nera, dalle cor­tecce stac­cate dagli alberi per nutrirsi, o da un car­cere o un campo di lavoro dove si era sof­ferta la Rivo­lu­zione cul­tu­rale; andave bene quasi tutto.

Oggi non è più così: i lavo­ra­tori, anche quelli in linea, sono i figli del mira­colo eco­no­mico cinese e chie­dono i diritti, oltre a paghe e con­di­zioni di lavoro migliori. Non è un caso che tra i piani per il futuro del governo cinese ci sia pro­prio la modi­fica dell’hukou.

Oggi i cit­ta­dini cinesi sono divisi in cate­go­rie: il resi­dente a Pechino ha molti più diritti di quello che arriva dalla pro­vin­cia remota. Si vuole modi­fi­care que­sta legge, con l’intento di aumen­tare anche la capa­cità di con­su­mare dei lavo­ra­tori migranti. Per ora le pro­te­ste scuo­tono soprat­tutto l’Occidente, sono oscu­rate in Cina seb­bene viag­giano alla velo­cità della luce sui social net­work, dove per altro negli ultimi tempi hanno perso intensità.

Tra gli oltre 180mila «inci­denti di massa» che avven­gono ogni anno (scio­peri, pro­te­ste) in mag­gio­ranza sono con­tro fab­bri­che inqui­nanti. Secondo quanto comu­ni­cato dall’ong di Hong Kong, ma fon­data da un cinese, primo a creare un sin­da­cato libero a Pechino e poi esi­liato, China Labour Bul­le­tin, l’azienda avrebbe pro­messo ai lavo­ra­tori la firma di un nuovo con­tratto dal primo mag­gio; nel nuovo accordo dovrebbe essere pre­vi­sta la spesa sociale a carico dell’azienza, ma i lavo­ra­tori non si fidano e forse vor­reb­bero qual­cosa di più.

Il dato che emerge infatti, è che anche dalla Cina, che pure pro­se­gue la sua intensa atti­vità di «fab­brica del mondo», per quanto ormai si stia spe­ri­men­tando sul ter­reno dei ser­vizi e dell’innovazione, ormai si delo­ca­lizza, tra Viet­nam, Laos. Paesi dove il costo del lavoro è ancora più basso che in Cina

(tratto da Il Manifesto 16 aprile 2014)

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Tag Cloud