Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Il sindaco e gli agenti della polizia municipale….

Postato il 9 Luglio 2013 | in Lavoro Pubblico, Sindacato | da

Gli orari del centro storico passano da 4 a 2, due per la mattina e due per il pomeriggio. Rimangono in piedi 8 – 14 e il 7.30 13.30 mentre per il pomeriggio il 13.30 e 19.30. Il 13.30- 19.30 è studiato a posta per garantire il cambio sul posto al Duomo.

Tuttavia se un componente del centro storico fosse assegnato per un giorno ad altro servizio potrebbe fare anche altri orari, ad esempio il 7- 13 o il 13 – 19. E’ stata data la possibilità a chi non faceva il progetto di andare al Duomo (e ci rallegriamo per questa opzione, del resto era ingiusto impedire certi orari ad alcuni collegni\e solo perchè non partecipano al progetto vigilanza che ricordiamo è su base volontaria). .

La maggior parte degli agenti della Pm sembra non avere colto la finalità della richiesta della Rsu che ricordiamo è quella di impedire che la flessibilità degli orari diventi la norma nella organizzazione del lavoro all’interno della Pm con la materiale impossibilità per tutti\e di programmare la propria vita privata.

E’ innegabile che da parte del Comando (ma non solo) non ci sia troppa collaborazione per razionalizzare gli orari pianificandoli con un certo anticipo, le giustificazioni addotte ai tavoli di trattativa lasciano alquanto perplessi.

La soluzione per i Cobas resta quella di organizzare una assemblea del personale del centro storico come rsu e confrontarsi insieme.

Urge una riflessione sulla Polizia Municipale, a cosa serve la PM a cosa servono i vigili? Negli ultimi tempi l’istituzione ha perso credibilità fra la cittadinanza per l’utilizzo che se ne vuole fare spesso anche a discapito della sicurezza degli stessi agenti di Pm. La Giunta Filippeschi utilizza sempre più la Pm per ordine pubblico (perfino i controlli antidroga) a discapito di tutte le altre funzioni e le ultime gravi aggressioni ai danni di alcuni agenti sono il risultato.

Nonostante i proclami da campagna elettorale, sulla lotta al degrado, è da un bel po’ di tempo che il Sindaco impone alla Polizia Municipale, specie al centro storico, dei servizi a dir poco ridicoli.

Denunciamo la distribuzione degli agenti della Pm solo nel salotto buono della città, facciamo sia mattina e pomeriggio lungo Corso Italia,Piazza Garibaldi, Piazza XX e Lungarno Mediceo, Borgo Stretto, Piazza Vittorio. Guai allontanarsi da queste zone! Una volta (fino a un anno e mezzo fa) i servizi erano più variegati. C’era anche il controllo generico del Centro Storico, della ZTL Sud (o città sud) e ZTL NORD (o città Nord).

Il controllo non è diretto solo a sanzionare gli abusivi della ztl, ma anche a parlare con la cittadinanza per conoscere i problemi e combattere tutte quelle situazioni di degrado denunciate dai cittadini e ad oggi senza ascolto.

A mo’ di esempio, mentre si salvaguardano le vie dei commercianti si abbandonano le aree limitrofi e interi quartieri dove risiede gran parte della popolazione pisana, tanto per restare nel centro andate a vedere Via delle Conce, Piazza delle Repubbliche Marinare, Vicolo Scarmucci, o le traverse dei Lungarni e potreste inciampare in una miriade di siringhe e\o rottami di bici e motorini. Probabilmente si ricorderanno di queste zone in questi giorni di luglio ed agosto quando non c’è anima viva in giro.

Il Sindaco e i suoi consiglieri sono “terrorizzati” dagli artisti di strada e dai senegalesi che vendono qualche collanina, tuttavia ben altre sono le esigenze dei cittadini. La città sta precipitando nel degrado, Pisa si presenta con un bell’asse pedonale, una bella piazza dei Cavalieri fino alla Torre, ma attenzione a non allontanarsi dal percorso turistico perchè ci si imbatte in una situazione assai diversa.

La gestione del corpo della Pm è figlia delle indicazioni del Sindaco e quindi anche la organizzazione del lavoro e dei servizi risente negativamente di questa impostazione funzionale solo agli operatori turistici e ai commercianti Una proposta concreta? Ripristinare squadre di agenti della Pm ove ce ne sia realmente bisogno e non concentrarli solo in qualche via del centro, utilizzare gli agenti della Pm in tutte le funzioni spettanti al corpo e non principalmente in ordine pubblico.

COBAS PUBBLICO IMPIEGO

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Tag Cloud