Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

I vigili e la cattiva coscienza delle istituzioni

Postato il 8 Luglio 2014 | in Lavoro Pubblico, Sindacato | da

Sono passati quasi due mesi dalla uccisione del lavoratore cingalese e da una aggressione in Corso Italia.

Nel secondo caso il responsabile è stato bloccato con l’aiuto di altri extracomunitari.

Il fatto di piazza XX ugualmente grave, è il terzo fatto criminoso in pochi giorni, in tutti e tre i casi si è colpito alle spalle e delle donne. C’è anche da ricordare il lavoratore Cingalese ucciso in Corso Italia.

Sono fatti isolati, impossibili da prevedere sicuramente, questi fatti non si combattono con una mazzetta distanziatrice o con uno spray ma con una risposta forte con un maggior impegno sul territorio. E’ pletorico ripetere che si tratta di fatti imprevedibili.

Quello che però possiamo provare a prevedere è cosa sarebbe successo se le due vigilesse non avessero avuto le manette per bloccare il tizio. Qualcuno dirà, incredibile? Ora ti pare i vigili non hanno le manette? E invece no, i vigili a tempo determinato non le hanno.

Leggi tutto il comunicato nel documento in allegato:
http://www.cobasconfederazionepisa.it/wp-content/uploads/2014/07/vigili-a-aggressioni.pdf

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Tag Cloud